A Giovinazzo arrestato l’autore di un “cavallo di ritorno” di un’auto rubata a Mariotto

Nella serata dell’08 aprile, a Mariotto (BA), erano bastati pochi minuti, a ladri di auto, per rubare una Fiat Panda, parcheggiata nella pubblica via e farla franca, ma solo per il momento, senza che nessuno si accorgesse di nulla.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Bastavano meno di ventiquattrore ore perché il malcapitato proprietario dell’auto, mentre passeggiava nella piazza della frazione Bitontina, fosse avvicinato da un giovane dal posto che con estrema scaltrezza e non curante delle conseguenze, gli facesse la proposta: “Se sei interessato a riavere la tua auto, dammi 300 euro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo poche ore aver effettuato un prelievo bancomat, avveniva la consegna del denaro pattuito, con la indicazione del luogo in cui l’auto era stata nascosta. “Vai a Giovinazzo vicino a via…… e li troverai la macchina.” Sul posto indicato dall’interlocutore l’uomo rinveniva, poi, effettivamente la propria autovettura, integra e senza alcun danno come gli era stato garantito. Temendo ritorsioni, conoscendo il soggetto che gli aveva fatto ritrovare l’auto, si recava in Caserma a Giovinazzo per denunciare il ritrovamento casuale del mezzo, senza dare altre indicazioni.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Agli investigatori della Stazione Carabinieri di Giovinazzo, però, la situazione appariva subito poco chiara. Compiuti accertamenti sul luogo ove era avvenuto il furto, notavano a poca distanza l’apparecchio bancomat ove erano stati prelevati i soldi. Le indagini consentivano di appurare che la somma prelevata dal malcapitato era di 300 euro; inoltre, da alcune immagini del sistema di video sorveglianza, presenti nella piazza, si poteva notare il proprietario del mezzo confabulare con un giovane. Messo di fronte all’evidenza, il denunciante decideva di collaborare e raccontare quanto accaduto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per il giovane, un 24 enne di Bitonto, incensurato, nella serata di ieri, sono scattate le manette con l’accusa di estorsione aggravata, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato tutte le indagini. Il 24enne si trova ora agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Comando Provinciale Carabinieri Bari

- Prosegue dopo la pubblicità -