Incidente in viaggio verso la Puglia: morta la neonata di quattro mesi ferita, deceduta anche la sorella 19enne

Erano a bordo in auto diretti verso Taranto quando l’auto si è scontrata con un veicolo guidato da un materano. Il bilancio è gravissimo: almeno 4 feriti tra cui una neonata ed una donna deceduta. Il terribile sinistro stradale è avvenuto sulla strada statale 106 in territorio di Metaponto, all’altezza dello svincolo in zona Pantanello. Lo scontro è avvenuto nel tardo pomeriggio del 6 agosto ed ha provocato la morte di una 19enne tarantinaMichelle Cesario. Quattro feriti, di cui tre ricoverati in ospedale a Policoro. A bordo di una vettura anche una bimba di quattro mesi: la neonata, che è sorella di Michelle Cesario è (fonte tgr Rai) deceduta nelle ultime ore a causa delle gravi ferite riportate nell’incidente.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Traffico in tilt subito dopo l’impatto con file stimate in svariati chilometri. Per le forze dell’ordine, chiamate per gestire il traffico, è stato necessario dirottare verso una viabilità alternativa. Una delle vittime è stata trasportata in elicottero all’ospedale San Carlo di Potenza ed è in terapia intensiva per trauma cranico. La mattina successiva, sulla Matera-Metaponto, un altro incidente ha causato otto feriti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il secondo incidente è avvenuto domenica in località San Marco di Serramarina, sempre in territorio di Bernalda. Quattro i mezzi coinvolti, otto i feriti, di cui due gravi: una ragazza di Altamura ed di un giovane di Matera trasportati, in prognosi riservata, all’Ospedale “Madonna delle Grazie” di Matera. In serata si è poi saputo che la ragazza, anche lei di 19 anni, è deceduta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Secondo le prime ricostruzioni, il secondo incidente pare che una Citroen C3 proveniente da Metaponto abbia invaso la corsia opposta, causando uno scontro a catena con le altre autovetture coinvolte. Sul posto Vigili del Fuoco ed autoambulanze. Bilancio gravissimo: due ragazze morte a distanza di poche ore, entrambe 19enni e nello stesso territorio.

- Prosegue dopo la pubblicità -