Trivelle in Puglia: in pericolo costa tra Polignano a Mare e Brindisi, Legambiente chiede aiuto ai parlamentari pugliesi

Le trivelle per la ricerca di petrolio sono tornate a minacciare le coste pugliesi. L’autorizzazione rilasciata dal ministero dell’ambiente è alla Northern Petroleum. Una multinazionale britannica, che ha ottenuto il permesso di cercare idrocarburi nel specchio d’acqua tra Polignano a mare e Brindisi.  Centinaia di km di costa in pericolo. Cosi denuncia Legambiente: “Ribadiamo l’appello ai parlamentari pugliesi e alla Regione affinché si facciano promotori di una legge che vieti la pericolosa tecnica dell’airgun

- Prosegue dopo la pubblicità -

Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, commenta: “A fronte delle due istanze avanzate dalla società petrolifera Global Med LLC, siamo fortemente preoccupati per il nuovo via libera concesso dal Ministero dell’Ambiente, di concerto con il Ministero per i Beni culturali e per il turismo, alla ricerca di petrolio nello specchio d’acqua al largo di Santa Maria di Leuca attraverso l’airgun, cannoni ad aria compressa che provocano onde sismiche sottomarine in grado di scandagliare i fondali attraverso appositi rilevatori sonori per verificare o meno la presenza di petrolio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questa occasione ci spinge a chiedere nuovamente ai parlamentari pugliesi e alla Regione di farsi promotori di una legge che vieti la tecnica dell’airgun, estremamente pericolosa e impattante per l’ecosistema marino, oltre che la redazione di un Piano delle Aree per le attività di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi, da sottoporre a valutazione ambientale strategica, per avere un quadro degli effetti cumulativi delle attività petrolifere in corso, visto che la Puglia continua a far gola alle società petrolifere”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

A destare preoccupazione sono sia le tecniche utilizzate che potrebbero avere ripercussioni negative sulla fauna e sulla flora marina presenti, che la reale estensione dell’area da indagare, visto che questa prima autorizzata è contigua ad altre due delle stesse dimensioni. Queste, sommate, porterebbero a una macroarea in pieno mar Ionio settentrionale, favorendo il rischio che vi siano trivellazioni a poco più di dodici miglia nautiche dalla costa salentina, quindi fuori dalla fascia di interdizione delle trivelle confermata anche dal referendum abrogativo del 2016, qualora dalle perlustrazioni dovessero emergere dati utili all’emungimento del combustibile fossile.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Interviene anche Nico Bavaro di Sinistra Italiana: “Le mani delle multinazionali del petrolio si allungano massicciamente sulla Puglia. Le ricerche dovrebbero iniziare da Marzo del 2018. C’è ancora tempo per presentare ricorso”.

- Prosegue dopo la pubblicità -