Puglia: migranti lasciavano il centro accoglienza per lavorare in nero nei campi, denunciato l’imprenditore agricolo

Tutto ha avuto inizio grazie ad una segnalazione di un centro di accoglienza di immigrati: due migranti, di cui uno minorenne, si allontanavano costantemente per effettuare lavori in nero. Per questo la Guardia di Finanza ha deciso di effettuare un controllo presso una locale azienda agricola, scoprendo in tutto 7 lavoratori in nero, di cui 5 italiani e due immigrati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il fatto è stato registrato presso il territorio comunale di San Pietro Vernotico (Lecce). Stando a quanto riportato anche da alcune testate giornalistiche locali, lo sfruttamento del lavoro spingeva gli ospiti provenienti dall’estero a lasciare momentaneamente il centro accoglienza ai quali era stato assegnato per poter lavorare segretamente presso l’azienza agricola locale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per il datore di lavoro è scattata una multa. Le violazioni amministrative per l’impiego di lavoratori in nero sarebbe pari a circa 21.000 euro. Lo ha riportato anche il servizio televisivo

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -