Andria-Canosa: partono i lavori sulla 231 dopo decine di morti – VIDEO

Il pericolo corre lungo la Strada Provinciale 231 nel tratto tra Andria e Canosa di Puglia. Tanti gli incidenti mortali, l’ultimo solo lunedì scorso e da stamane al lavoro operai, incaricati dalla Provincia BAT, per mitigare il rischio in vista delle piogge.

- Prosegue dopo la pubblicità -

C’è da dire che un primo stralcio di lavori per l’allargamento e la manutenzione stradale era già partito dall’anno scorso anche se con l’ultima Legge Delrio che vede l’accorpamento di alcune province italiane con la “morte prevista” di quella di Barletta – Andria – Trani le competenze per ora rimangono ma i fondi economici no. Insomma, la Provincia BAT deve vedersela non solo con le strade provinciali che in non pochi casi necessitano di urgenti interventi, ma anche con il Governo centrale sempre troppo attento ai diktat di Bruxelles piuttosto che alle esigenze delle comunità locali.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’attuale amministrazione guidata da Nicola Giorgino sembra quindi si sia data da fare sin dall’inizio, anche se quei lavori andavano fatti ben prima che Giorgino ricevesse l’incarico, forse anche ben prima dell’istituzione della stessa BAT viste le decine di morti in quella tratta di strada, giustamente e tristemente ribattezzato come il “curvone della morte“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le ultime due vittime, decedute alcuni giorni fa, sono state coinvolte in un incidente che ha visto lo scontro tra un mezzo pesante ed un furgone. A morire in questo ultimo caso sono stati un andriese ed un barese. Come se non bastasse, il “curvone della morte” risulta piuttosto problematico da percorrere e gestire anche per le forze dell’ordine. Lo ricorda anche un servizio televisivo locale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

I lavori quindi, sono ripresi anche se un po’ per come è accaduto già per l’Andria-Trani o per quanto sta ancora accadendo per l’Andria-Bisceglie, il copione è sempre lo stesso: lavori dopo tanto, troppi morti sulla strada. Linkiamo qui sotto un video diffuso sul Canale YouTube dell’emittente televisiva Telesveva:

- Prosegue dopo la pubblicità -