Scoperta a Terlizzi centrale dello spaccio di droga in un’abitazione, arrestati due uomini ed una donna nel centro storico

Avevano adibito la loro abitazione a “dispenser” della droga, nel centro storico di Terlizzi, dalla quale distribuivano dosi di cocaina e marijuana. Questa la scoperta fatta nel pomeriggio di ieri dai Carabinieri della locale Tenenza, coadiuvati dal Nucleo Cinofili dei Carabinieri di Modugno (BA), nell’ambito di un servizio mirato al contrasto della diffusione degli stupefacenti. Nell’operazione sono stati arrestati due trentacinquenni terlizzesi, ed una donna ventinovenne, anch’essa del posto, convivente di uno dei due uomini citati, con l’accusa di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’attenzione dei militari è stata attirata dal continuo andirivieni di giovani del posto e non, che in diverse ore della giornata, raggiungevano la casa di uno degli arrestati, il quale, tra l’altro, proprio in quell’abitazione si trovava agli arresti domiciliari. I militari, decidevano quindi di perquisire l’abitazione, scovando, occultate sulle persone ed in alcune stanze dell’abitazione, diverse dosi di droga, già confezionate.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Altro stupefacente, veniva invece recuperato dai militari, nella rete fognaria dell’abitazione, grazie al fiuto del cane antidroga che ha passato al setaccio diversi tombini dell’area antistante l’ingresso, dopo che gli spacciatori avevano maldestramente cercato invano di disfarsene, gettandolo nel water. Oltre alla droga, corrispondente a circa 40 grammi di cocaina e qualche grammo di marijuana, in casa sono stati rinvenuti oggetti utili al confezionamento ed alla conservazione della sostanza, nonché la somma contante di 438,00 euro, ritenuta il provento dell’illecita attività. Lo stupefacente, il denaro ed il materiale per il confezionamento sono stati sequestrati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Su disposizione della Procura della Repubblica di Trani (BT), uno dei due uomini e la donna sono finiti agli arresti domiciliari, mentre per il secondo uomo, già agli arresti domiciliari, si sono aperte le porte del carcere di Trani.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: Comando Provinciale Carabinieri Bari – Sala Stampa