Ricercatori di Oxford analizzano “osso di San Nicola”: confermata la datazione

- Prosegue dopo la pubblicità -

Un frammento delle ossa di San Nicola analizzato dalla Oxford University. Come riportato sul sito dell’università: i resti di San Nicola si trovano nella Basilica di San Nicola, a Bari, nel sud della Puglia, dal 1087, dove sono sepolti in una cripta sotto un altare di marmo, con altri conservati nella Chiesa di San Nicolò al Lido a Venezia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Utilizzando un micro-campione di frammenti ossei, il professor Tom Higham e il dottor Georges Kazan, i direttori del Oxford Relics Cluster presso l’Advanced Studies Centre del Keble College, hanno per la prima volta testato uno di questi ossi. I risultati della datazione al radiocarbonio individuano l’età della reliquia nel IV secolo dC – il tempo in cui alcuni storici sostengono che San Nicola morì (circa 343 dC). I risultati suggeriscono che le ossa potrebbero in teoria essere autentiche e appartenere al santo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il professor Higham ha detto: “Molte reliquie che studiamo si rivelano fino ad un periodo un po ‘più tardi di quanto suggerirebbe l’attestato storico. Questo frammento di osso, al contrario, suggerisce che potremmo forse vedere i resti di San Nicola stesso.” Si pensa che San Nicola abbia vissuto a Myra, in Asia Minore, che oggi è la Turchia moderna. Secondo la leggenda era famoso per la sua generosità, un tratto che ispirò la leggenda di Babbo Natale come portatore di regali il giorno di Natale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ritenuto perseguitato dall’imperatore Diocleziano, il santo morì a Myra, dove i suoi resti divennero il centro della devozione cristiana. Le sue reliquie furono portate via da un gruppo di marinai italiani e trasportate a Bari, dove la maggior parte di loro siede fino ad oggi nella Basilica di San Nicola. L’osso analizzato è di proprietà di padre Dennis O’Neill, della chiesa di Santa Marta di Betania, santuario di Tutti i Santi, a Morton Grove, Illinois, USA. La reliquia originariamente proveniva da Lione, in Francia.

Fr. O’Neill ha acquisito la sua collezione per molti anni, principalmente da chiese e proprietari privati ​​in Europa, e include un frammento osseo relativamente grande che è stato identificato come parte di un bacino umano, ritenuto una reliquia di San Nicola. È interessante notare che la collezione barese non include il bacino intero del santo, solo l’ileo sinistro (dalla parte superiore dell’osso). Da quando p. La reliquia di O’Neill proviene dal pube sinistro (la parte inferiore dell’osso), questo suggerisce che entrambi i frammenti ossei potrebbero essere della stessa persona. Questo fatto attirò l’attenzione del Dr. Kazan, spingendo lo studio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il dott. Kazan ha dichiarato: “Questi risultati ci incoraggiano a rivolgersi ora alle reliquie di Bari e Venezia per tentare di dimostrare che i resti ossei provengono dallo stesso individuo. Possiamo farlo usando l’antica paleomogenetica o il test del DNA. È emozionante pensare che queste reliquie, che risalgono ad un tempo così antico, possano in effetti essere autentiche “.

Le reliquie conservate a Venezia consistono in ben 500 frammenti ossei, che uno studio anatomico concluso era complementare alla raccolta di Bari, suggerendo che entrambe le serie di reliquie potevano provenire dallo stesso individuo. Resta da confermare quali frammenti del bacino sono contenuti tra le reliquie di Venezia, se ce ne sono. Il lavoro degli archeologi ha rivelato che l’osso è stato venerato per quasi 1700 anni, rendendolo una delle più antiche reliquie che il team di Oxford abbia mai analizzato. La foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Poiché la tecnologia di datazione al radiocarbonio è diventata più sofisticata negli ultimi anni, le reliquie antiche sono diventate più accessibili in modi che in precedenza sarebbero stati considerati troppo invasivi per studiare. Il dott. Kazan ha aggiunto: “Dove una volta avevamo bisogno di porzioni fisiche di un campione di ossa, ora possiamo testare micro-campioni di dimensioni di milligrammi – aprendo un nuovo mondo di studi archeologici”.

Nel XVI secolo le storie su San Nicola divennero popolari e nacque la leggenda di Babbo Natale. Il 6 dicembre è conosciuto e celebrato in diversi paesi europei, in particolare in Olanda, come la festa di San Nicola. Alla vigilia della festa, i bambini escono zoccoli e scarpe per essere riempiti di regali. Della possibile autenticità della reliquia stessa, il professor Higham conclude: “La scienza non è in grado di provare definitivamente che lo è, può solo provare che non lo è, comunque”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se fosse confermato il collegamento tra l’osso proveniente dalla Francia ed oggi situato negli USA con le ossa presenti a Bari potrebbero confermare la veridicità, almeno in parte, della datazione. I resti di San Nicola si trovano a Bari, ma per alcuni studiosi non si sarebbero mai mossi dalla Turchia. Un paradosso. Eppure è quanto sostiene un gruppo di archeologi turchi che lavora da tempo sul sito di Antalya, la chiesa antica di Demre, una città nata proprio dalle rovine di Myra. A renderlo noto con un articolo è stato anzitutto il quotidiano locale turco Hurriyet e poi la Bbc.

“Il tempio sotto il pavimento della chiesa è in buone condizioni. Crediamo che finora non sia stato danneggiato. Ma è difficile entrarci perché ci sono pietre con motivi: dovrebbero essere estratte una a una e poi rimosse” – dichiara Cemil Karabayram. Il sospetto è che proprio sotto quelle rovine possano trovarci i veri resti di San Nicola. L’ipotesi sarebbe supportata anche da alcune carte: “Abbiamo studiato tutti i documenti dal 1942 al 1966 – prosegue Karabayram – C’erano alcune note, secondo le quali questa chiesa è stata demolita e poi ricostruita. Durante la ricostruzioni, i commercianti di Bari presero le ossa. E si dice che non appartenessero a san Nicola, ma a un sacerdote”.

L’ipotesi sarebbe avvalorata dalle dichiarazioni della professoressa Yildiz Ötüken del dipartimento di Storia dell’arte dell’Università di Hacettepe, la quale dichiarava da tempo che le ossa di San Nicola erano custodite in una sezione speciale del santuario. La professoressa aveva già guidato la campagna di scavi di Demre per circa vent’anni.

San Nicola di Bari, noto anche come san Nicola di Myra, san Nicola dei Lorenesi, san Nicola Magno, san Niccolò e san Nicolò (Patara di Licia, 15 marzo 270 – Myra, 6 dicembre 343), è venerato come santo dalla Chiesa cattolica, dalla Chiesa ortodossa e da diverse altre confessioni cristiane, fu vescovo greco di Myra (oggi Demre), una città situata in Licia, una provincia dell’Impero bizantino, che si trova nell’attuale Turchia. La sua figura ha dato origine alla tradizione di Babbo Natale, personaggio noto anche al di fuori del mondo cristiano. Le sue reliquie sono conservate a Bari e Venezia. Alcune tracce di resti sono conservate in altre località italiane ed estere. Una foto della chiesa turca:

Le sue spoglie furono conservate nella cattedrale di Myra fino al 1087. Quando Myra cadde in mano musulmana, Bari e Venezia, che erano dirette rivali nei traffici marittimi con l’Oriente, entrarono in competizione per il trasferimento in Occidente delle reliquie del santo. Secondo alcuni documenti, a volte interpretati più come racconti che cronache verificate, una spedizione barese di 62 marinai, tra i quali i sacerdoti Lupo e Grimoldo, partita con tre navi di proprietà degli armatori Dottula, raggiunse Myra e si impadronì di circa metà dello scheletro di Nicola, che, riportano alcune fonti, giunse a Bari il 8 maggio 1087. Secondo la “leggenda“, le reliquie furono depositate là dove i buoi che trainavano il carico dalla barca si fermarono.

Tuttavia, la scoperta degli archeologi turchi potrebbe stravolgere l’intera cultura del culto di San Nicola, i cui resti si ritenevano custoditi a Bari e in parte a Venezia. Le dichiarazioni arrivano proprio nell’anno in cui una reliquia contenente una parte dei resti di San Nicola è stata momentaneamente trasferita in Russia per la venerazioni di migliaia di fedeli, tra questi persino Vladimir Putin“Gli occhi del mondo saranno qui – dice Karabayram – Riteniamo che san Nicola sia nel tempio e non abbia subito danni. Siamo all’ultimo stadio. Se otterremo risultati, il turismo ad Antalya ne guadagnerà un grande slancio”. I lavori intanto continuano con l’impiego di uno scan CT e del georadar. “Raggiungeremo il terreno e forse troveremo il corpo intatto di san Nicola”, confida Karabayram.

La replica da Bari non si è lasciata attendere: per il vicerettore della basilica di San Nicola, padre Giovanni Distante, le fonti che riportano la storia della transazione dei resti di San Nicola non lascerebbero molti dubbi ed un’eventuale contro-ipotesi sarebbe considerabile esclusivamente con prove scientifiche. “Abbiamo le fonti della traslazione che parlano della tomba quasi distrutta dai marinai baresi per impossessarsi delle ossa del santo” che cita anche la fonte storica coeve di Giovanni Arcidiacono, commissionata dall’arcivescovo Ursone. Questi morì il 4 febbraio del 1089 mentre le reliquie arrivano a Bari il 9 maggio 1087, per cui la commissione risulterebbe per l’appunto coeva alla traslazione stessa.