In Puglia mancano gli infermieri negli ospedali rimasti, “riportare nei reparti il personale assegnato a ospedali chiusi da anni e perseguire le false 104”

“Gli ospedali e i PTA pugliesi sono al  collasso a causa del numero d’infermieri ormai ridotto all’osso. Una situazione ancor più drammatica se si pensa che i tavoli ministeriali affiancanti, prendendo a riferimento dati non aggiornati all’attuale fabbisogno e dando per eseguito l’inapplicato piano di riordino ospedaliero, hanno stabilito che in Puglia abbiamo più infermieri rispetto alle omologhe regioni del nord e quindi ci hanno consentito di assumere 2000 Operatori Socio Sanitari, ma non altri infermieri”. Così il consigliere del M5S Mario Conca, in merito alle quotidiane segnalazioni e alla lettera inviata dal personale in servizio nel reparto di dermatologia /reumatologia del padiglione Chini del Policlinico di Bari a istituzioni e organi di stampa per denunciare la carenza di organico nel reparto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Nel caso del Padiglione Chini – prosegue il consigliere cinquestelle – in dermatologia/reumatologia, il personale dovrebbe ruotare su tre turni, invece si ha una turnazione fissa, con enormi difficoltà nel gestire il reparto e garantire assistenza ai pazienti. I lavoratori denunciano addirittura di non avere i riposi garantiti dopo il turno di notte, una situazione che va contro la legge. Non è possibile prendere permessi o ferie, tanto che ci sono dipendenti che hanno accumulato 130 giorni di ferie e per lo stress accumulato ci sono casi di fibrillazione, ulcere e febbri frequenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Una situazione comune a tanti ospedali pugliesi che devono fare i conti con organici risicatissimi – continua il pentastellato – e questo anche perchè ci sono infermieri assegnati ad ospedali chiusi da anni e diventati presidi territoriali, per cui lavorano anche soltanto un giorno a settimana. È il caso ad esempio degli ex ospedali di Grumo o di Ruvo (chiusi dalla Giunta Vendola) ma situazioni come queste sono comuni a tutti i distretti. A questo va aggiunto che la media del personale che nella nostra regione usufruisce dei permessi per la legge 104 è molto più elevata rispetto alla media nazionale. Una soluzione va trovata nelle more che venga abrogato il blocco assunzionale: il personale sanitario “imboscato” va riportato al lavoro nei reparti ospedalieri e vanno perseguite le 104 false. Non si può continuare – conclude – a mettere a rischio l’incolumità dei pazienti e la salute degli operatori”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -