L’on. Gero Grassi presenta a Corato “Aldo Moro: la verità negata”

Nell’ambito del Maggio dei Libri, l’associazione culturale Forum degli Autori ospiterà, venerdì 18 maggio, alle ore 18:30, presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale di Corato, l’onorevole Gero Grassi che presenterà il suo libro “Aldo Moro: la verità negata” (Pegasus). Il 16 marzo 1978 un commando delle Brigate Rosse, in un agguato in via Fani, rapì il presidente della DC Aldo Moro e uccise i cinque uomini della sua scorta: Oreste Leopardi, Domenico Ricci, Francesco Zizzi, Giulio Rivera e Raffaele Iozzino. Il 9 maggio, Aldo Moro veniva ritrovato morto all’interno di una Renault 4 rossa in via Caetani, a Roma, vicino alla sede storica della Dc, in Piazza del Gesù, e a quella del Partito comunista in via delle Botteghe Oscure. Aveva 61 anni. Fu sepolto nel comune di Torrita Tibertina, piccolo paese della provincia di Roma ove lo statista, professore e politico amava soggiornare.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Durante l’incontro, introdotto dal Presidente del Forum degli Autori, Antonio Montrone, il Vicepresidente del gruppo PD alla Camera dei Deputati e Componente della commissione d’Inchiesta sul caso Moro, tornerà a parlare del presidente della Democrazia Cristiana, rapito e ucciso dalle Brigate Rosse, a distanza di 40 anni dalla drammatica vicenda che ha segnato la storia del nostro Paese. La XVII legislatura del Parlamento è terminata ed i lavori della Commissione Moro-2 pure. Ritengo doveroso raccontare l’intero percorso che dal 2013 fino al 2018 mi ha visto protagonista, insieme ad altri, della ricerca della verità sull’eccidio di via Fani e sul rapimento ed omicidio di Aldo Moro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il bisogno di verità mi spinge a questo lavoro insieme all’affetto di sei compagni che mai mi hanno lasciato durante il viaggio della speranza e della verità: Aldo Moro, Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera, Francesco Zizzi. In questo lavoro utilizzo anche il materiale che Maria Fida e Luca Moro hanno raccolto per decenni: i giornali che parlano di Aldo Moro. Una enormità di stampa ingiallita: quella che va dal 1978 ad oggi. Assieme tutta la corrispondenza di Maria Fida che va dal 16 marzo al 9 maggio 1978, le testimonianze ricevute durante la prigionia del padre, le lettere dei cittadini italiani che ricordano Aldo Moro per un incontro o per una cortesia ricevuta. Ed ancora le lettere di tantissimi brigatisti che dagli anni ottanta scrivono a Maria Fida a causa del suo gesto di perdono. Le lettere di persone squilibrate che insultano Moro per le sue idee politiche. Le testimonianze della candidatura di Maria Fida al collegio senatoriale di Bitonto del 1987 e le lettere conseguenti alla sua fuoriuscita dalla DC. Tante lettere di uomini politici di tutti i partiti. Infine oggetti personali di Aldo Moro. Un enorme archivio di documenti pubblici e privati.

- Prosegue dopo la pubblicità -