Transumanza in Puglia: 180 Km in 4 giorni e le mucche producono meglio – video

180 chilometri e 4 giorni di cammino per raggiunger i pascoli del vicino Molise. Un rito vecchio di secoli, ancora oggi praticato in Puglia da una famiglia del foggiano. La transumanza è la migrazione stagionale delle greggi, delle mandrie e dei pastori che si spostano da pascoli situati in zone collinari o montane (nella stagione estiva) verso quelli delle pianure (nella stagione invernale) percorrendo le vie naturali dei tratturi.[1]  

- Prosegue dopo la pubblicità -

La parola transumanza deriva dal verbo transumare, ossia: attraversare, transitare sul suolo. Il verbo è costituito con l’accostamento del prefisso latino trans che vuol dire: al di là/attraverso,[2] e della parola latina humus, che vuol dire suolo/terreno.[3] Una alternativa e più complessa etimologia semitica è stata proposta per spiegare la parola: si riferisce all’accadico taru (andare attorno, girare, volgersi, andare e tornare), accadico ummanu (popolo, nazione, gente, uomini) e il pronome indicativo accadico anaforico ša, aramaico zi (quello).[4] Il più antico cammino della transumanza pare sia quello della val Senales, in Alto Adige, risalente alla preistoria.[5]

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata anche da alcuni lettori (a tal  proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui). E’ anche possibile inviare segnalazioni con foto e/o video all’indirizzo email redazione@pugliareporter.com. Linkiamo qui sotto un video del Tgr Puglia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -