Puglia: voti di scambio con associazione mafiosa alle ultime elezioni regionali, 23 condanne

Quattro assolti e 23 imputati condannati a pene comprese fra i 7 anni e 8 mesi e i 25 mesi di reclusione al termine del processo di primo grado, celebrato con il rito abbreviato, per associazione mafiosa, scambio elettorale politico-mafioso, coercizione elettorale e corruzione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Stando alle indagini della DDA di Bari, gli imputati, quasi tutti affiliati al clan Di Cosola, avrebbero tentato di condizionare l’esito delle ultime elezioni regionali in Puglia del maggio 2015 procurando voti, in cambio di denaro, a Natale Mariella (poi non eletto), candidato con la lista ‘Popolari’ a sostegno di Michele Emiliano. In particolare, in alcuni comuni della provincia di Bari alcuni affiliati all’organizzazione criminale, fra i quali Michele Di Cosola, figlio del boss ‘pentito’ Antonio Di Cosola, nelle settimane precedenti alle elezioni avrebbero fermato persone per strada invitandole a votare Mariella “mediante l’esercizio della forze di intimidazione del clan” e con “minacce velate”, così “impedendo il libero esercizio del diritto di voto”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’incensurato Armando Giove, ritenuto il referente di Mariella, accusato di aver accettato la promessa del clan di procurare voti offrendo in cambio 70 mila euro (per lui la Procura aveva chiesto 12 anni di reclusione), è stato condannato alla pena 2 anni, 1 mese e 20 giorni per scambio politico elettorale ed è stato assolto dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il processo si è celebrato eccezionalmente in un’aula del Palagiustizia di via Nazariantz, dichiarato inagibile nei giorni scorsi. Al primo piano del Tribunale in fase di sgombero, il giudice ha letto la sentenza chiedendo agli imputati detenuti il consenso a restare nel palazzo. (Fonte).

- Prosegue dopo la pubblicità -