Puglia: intero nucleo familiare dedito allo spaccio. Arrestati padre e figlio a Carbonara

Nel tardo pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Carbonara hanno dato corso ad un’operazione antidroga nel quartiere Loseto, riuscendo ad individuare un’intera famiglia, composta da tre persone, organizzata come in una tradizionale azienda commerciale per la vendita di stupefacente di vario genere; un vero e proprio supermercato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

All’arrivo dei Carabinieri, giunti di sorpresa mentre il nucleo familiare stava uscendo di casa, è stato da subito avvertito un fortissimo odore di marijuana; immediata ed aggressiva è stata la reazione dei componenti del nucleo famigliare. P.G. 50enne pluripregiudicato, il figlio P.G. 22enne incensurato e B.A. 46 enne incensurata, hanno infatti subito reagito, aggredendo i militari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Evidente il tentativo di attirare su di se l’attenzione ed impedire l’esecuzione di un’accurata perquisizione. Tale maldestro tentativo è però risultato vano. Infatti la perquisizione è avvenuta regolarmente e nel corso delle operazioni, svolte anche con l’ausilio di un’unità cinofila specializzata nella ricerca di sostanze stupefacenti, i militari si sono trovati di fronte stupefacente di ogni tipologia occultato in ogni stanza della casa, perfino fra i barattoli della cucina contenenti spezie e condimenti. La donna ha finanche simulato un malore, ma è stata comunque deferita in stato di libertà anch’essa per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, in quanto trovata in possesso di oltre 300 euro in banconote di piccolo taglio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Al termine delle attività i militari hanno rivenuto e posto sotto sequestro numerosi involucri in cellophane contenenti complessivamente grammi 472 di marijuana; un involucro contenente grammi 67 “hashish”; nr.6 dosi sostanza stupefacente tipo “cocaina”, per complessivi grammi 3 nonché 2 bilancini di precisione e materiale vario per confezionare dosi. Padre e figlio sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Bari.

- Prosegue dopo la pubblicità -