Agricoltura: in Puglia arrivano i droni contadini

“Auspichiamo che i due DdL sull’agricoltura di precisione presentati in audizione in IV^ Commissione consiliare si integrino in maniera coerente, perché si pongono entrambi l’obiettivo di promuovere in Puglia il ricorso al precision farming per aumentare le performance e la competitività delle aziende agricole”, ha dichiarato il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, dopo la riunione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’agricoltura di precisione ha potenzialità di crescita enormi – ha aggiunto Cantele – basti pensare che appena il 2% della superficie agricola utilizza in Italia robot e sensori di precision farming. Si stima che nei prossimi anni il mercato cresca al ritmo del 20% annuo e con un valore che nei prossimi 5 anni si prevede raggiunga i 4,5% miliardi a livello mondiale, di cui un miliardo nella sola Europa. Bisognerà sviluppare soluzioni adattabili sia a grandi superfici che a superfici ridotte”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Molto rispondente agli indirizzi della Comunicazione sul futuro della PAC il DdL a firma del consigliere Damascelli, secondo Coldiretti Puglia, perché mette in campo l’idea di un piano regionale di sviluppo del precision farming, propedeutico alla programmazione 2021-2027. Indispensabile la copertura finanziaria della futura legge, in modo da rendere realmente realizzabili le attività di promozione del precision farming, utili ad aumentare il livello competitivo delle aziende agricole.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Oltre alle applicazioni innovative in campo rurale – ha aggiunto il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – la riconferma per i giovani agricoltori under 40 dell’esonero triennale dal pagamento dei contributi previdenziali e una riduzione contributiva nel limite del 66% per il successivo anno e del 50% per l’ulteriore anno, per cui Coldiretti Giovani Impresa si è impegnata fortemente, possono dare ulteriore impulso alla crescita in termini di innovazione delle aziende agricole, soprattutto quelle più giovani”, oltre all’abolizione dell’Irpef agricola, misure contenute nella Manovra finanziaria del dicembre 2017. “Inoltre, per la Commissione europea nel nuovo bilancio Ue per il 2021-2027 – ha concluso Corsetti – saranno disponibili anche 10 miliardi per la ricerca e l’innovazione in agricoltura, circa il triplo della dotazione attuale”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In quest’ottica è nato il progetto realizzato da ISMEA e Bonifiche Ferraresi che si pone l’obiettivo di favorire l’adozione e la diffusione su vasta scala territoriale di sistemi di gestione avanzata, attraverso l’utilizzo delle tecnologie innovative in favore delle imprese agricole e agroalimentari italiane, in coerenza con le strategie di sviluppo delineate a livello europeo e nazionale. E’ cresciuto nel primo semestre del 2017, di un ulteriore 6,6% in Puglia il numero delle imprese agroalimentari under 35 sul totale delle aziende agricole, secondo i dati di Unioncamere, con 5544 giovani ‘innovatori’ – conclude Coldiretti Puglia – che in agricoltura sono riusciti a rappresentare prospettive future e ne hanno fatto un mondo di pionieri, rivoluzionari e attivisti, alimentando una speranza rispetto ai tanti giovani costretti a cercare lavoro all’estero.