Puglia: rom intestano 16 auto ad anziano, 90 multe da pagare a sua insaputa

Gli hanno intestato ben 16 auto a sua insaputa e il malcapitato in due anni ha ricevuto ben 90 multe. Colpevoli di questo gesto alcuni rom che, rubandogli i dati anagrafici, hanno  intestato delle auto ad un imprenditore 70enne di San Severo, Renato Cardone. Le auto, tra cui anche una Jaguar, una Mercedes e una Bmw, erano guidate da cittadini, soprattutto stranieri dell’Est, nella città di Roma e zone limitrofe e anche in altre regioni d’Italia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Costoro guidavano sprovvisti di assicurazione, con la patente scaduta o sospesa, non rispettando il codice della strada,  non curanti dei divieti di sosta o delle aree riservate alla Ztl, oltre a sfrecciare a forte velocità nei centri abitati. E così accumulavano contravvenzioni che arrivavano puntualmente al signor Cardone.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E’ dal dicembre 2016 che Cardone è venuto a conoscenza di questa truffa a suo danno, da quando cioè, i Carabinieri hanno bussato a casa sua in quanto risultava colpevole di non essersi fermato all’alt  ad un posto di blocco. Tra le innumerevoli multe quella che fa più rabbrividire è una multa di ben 5.016 euro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il vice-prefetto di Roma, sta cercando di aiutare in tutti i modi il signor Cardone visto la situazione ingarbugliata in cui si è venuto a trovare “Ma non so più come fare per fermare questa valanga di contestazioni che mi arrivano” – dice Cardone “soprattutto non riesco a capire che cosa si aspetti ad aprire un’unica grande inchiesta che faccia luce sull’organizzazione che si è servita dei miei dati personali, perché è chiaro che si tratta di una banda con base a Roma e nel Lazio e che si avvale spesso delle stesse agenzie di pratiche auto o di intermediari per effettuare i passaggi di proprietà fasulli a nome mio. Gli autori usano fotocopie di documenti intestati a me, una volta su uno di questi c’era scritto che ero vedovo. Ho scritto anche al Ministero dei Trasporti, aiutatemi a uscire da questo incubo”-  supplica il povero Cardone.  La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).

- Prosegue dopo la pubblicità -