Alga tossica in Puglia: malori tra i bagnanti, scatta divieto di balneazione per alcune zone costiere. Ecco dove

Torna prepotentemente l’alga tossica in Puglia: le ultime rilevazioni dell’ARPA Puglia (l’agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente) segnalano infatti gran quantità di “Ostreopsis ovata” nelle acque antistanti il Faro di Torre Canne e nella zona di Forcatella ma anche sulla costa a sud di Bari fra i quartieri di Japigia e San Giorgio. Dopo una serie di malori accusati da alcuni bagnanti, il Sindaco di Fasano ha deciso di emettere un “divieto di balneazione e prelievo di acqua di mare per qualsiasi uso lungo i seguenti tratti del litorale in località “Torre Canne” (antistante il faro), e in località “La Forcatella” (prima della casa bianca), comprendendo tutto il litorale che va da Forcatella alla zona sud di Torre Canne”. Altre zone ove è stata segnalata la presenza di questa alga includono anche:

- Prosegue dopo la pubblicità -

–  Otranto (Porto Badisco – scalo di Enea)
–  Manduria, in provincia di Taranto

- Prosegue dopo la pubblicità -

L’alga tossica appartiene ad una specie tipica dei climi caldi e tropicali, ma negli ultimi anni è presente anche sulle coste italiane. La fioritura dell’alga, in gergo “bloom“, è stata segnalata nelle acque del litorale di Genova ma anche già osservata in numerose occasioni in Toscana, estate 1998 e Puglia nell’estate 2003-2004. Prime segnalazioni nel 1998 in Toscana, Costa apuana, Provincia di Massa Carrara dal Laboratorio provinciale del Dipartimento ARPA Toscana di Massa. In Puglia in particolare è presente dal 2001[3], nel 2005 viene colpita la Liguria. Nell’estate 2006 viene interessata la costa di Fregene. Nell’ottobre 2006, invece, è stata ritrovata nel Golfo di Trieste da parte del Laboratorio ARPA FVG del dipartimento di Gorizia. A partire dall’estate del 2008 (fine agosto) questa specie è stata riscontrata anche lungo le coste abruzzesi (Rocca San Giovanni e Fossacesia) osservata presso il Consorzio Mario Negri Sud.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel settembre 2008 si è rilevata una fioritura eccezionale nelle Marche, tra il Passetto di Ancona e Sirolo, che ha determinato la chiusura della balneazione nelle spiagge comprese in tale tratto. Dall’ottobre 2009 interessa le coste del Friuli-Venezia Giulia. Fra 2006 e il 2012 la presenza della microalga è stata segnalata anche nelle coste di Palermo, a Catania e a sud dell’Argentario. Infine, negli ultimi anni la sua presenza viene occasionalmente segnalata anche in Puglia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Impossibile da vedere ad occhio nudo (essendo di dimensioni microscopiche) la fioritura dell’alga può causare un’intossicazione i cui sintomi indirizzano verso un meccanismo irritativo aspecifico sulle mucose respiratorie e congiuntivali, con conseguente irritazione congiuntivalerinorrea (raffreddore), difficoltà respiratorie (tosse, respiro sibilante, broncospasmo con moderata dispnea) e febbre.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).