Conte e Salvini in Puglia per la tragedia dei braccianti morti: “c’era un lavoro sfruttato e non c’è dignità” – VIDEO

Oltre al Premier Giuseppe Conte, dopo la morte dei dodici braccianti anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini nel capoluogo dauno per la riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Nel frattempo, la Procura ha aperto due inchieste. “Dietro queste morti non c’è dignità, c’era un lavoro sfruttato e non c’era dignità. Dobbiamo fare in modo che questo non accada. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte parlando con i giornalisti a margine del vertice in prefettura a Foggia dopo l’incidente in cui sono morti 12 braccianti. Per Conte, “si tratta anche di incentivare gli imprenditori perché siano portati rinunciare a un pezzo di lucro per favorire condizioni di lavoro nel rispetto della dignità dei lavoratori”. Video del Tgr Puglia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

In queste ore è stato approvato in parlamento il Decreto Dignità. “DIGNITÀ – è la parola che noi dobbiamo e vogliamo rimettere al centro. Lavoro e dignità sono due parole indissolubili: non ci può essere lavoro senza il rispetto della dignità della persona. E questo deve valere per tutti e sempre, senza distinzioni” – ha voluto precisare il premier.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Qui a Foggia ieri sono morte dodici persone, che si sommano alle quattro morte sabato scorso. Sedici lavoratori sfruttati e umiliati dalle condizioni di lavoro e di vita a cui erano costretti. Questa non è dignità. A distanza di decenni sembrano ancora attuali le lotte condotte da Giuseppe Di Vittorio nato a pochi km di distanza da qui. La bussola di questo governo – anche nell’approccio che abbiamo avuto nei confronti dell’immigrazione – è quella di garantire la dignità della vita e la dignità del lavoro. Per quanto riguarda il fenomeno del caporalato dobbiamo rafforzare gli strumenti di controllo e prevenzione e introdurre misure di sostegno al lavoro agricolo di qualità”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche Salvini in Puglia: “Altri 12 braccianti stranieri morti in un incidente stradale, non si può andare avanti così, una preghiera per le vittime e le loro famiglie. Chiederò controlli a tappeto per combattere, in tutta Italia, sfruttamento e caporalato”. E’ quanto dichiara il ministro dell’Interno Matteo Salvini, dopo quanto accaduto sabato e oggi in provincia di Foggia. Video della diretta Facebook:

- Prosegue dopo la pubblicità -