Bari Palese: dopo 8.500 anni le ruspe cancellano un villaggio neolitico per costruire villini. Nessuno ha ascoltato le proteste dei cittadini – video

La scoperta su area già conosciuta come archeologica di una parte straordinariamente integra di un villaggio neolitico di circa 8.500 anni fa non ha impedito alla Soprintendenza Archeologica Regionale di rilasciare il nulla osta alla edificazione di un complesso di villini. Portati via i reperti ritenuti degni di conservazione, lo scorso febbraio le ruspe si affrettarono a cancellare quel villaggio. Mentre la battaglia condotta dall’Associazione Ecomuseale del Nord Barese prosegue in ambito giudiziario, il suo ideatore e promotore, arch. Eugenio Lombardi, ha prodotto un fascicolo con la proposta progettuale di un “arcipelago archeologico metropolitano, che metta a sistema le aree neolitiche già conosciute e solleciti ulteriori ricerche“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In un comunicato del Comitato promotore dell’Arcipelago Neolitico Metropolitano diffuso negli ultimi giorni di agosto 2018, il costituendo Comitato promotore dell’Arcipelago Neolitico Metropolitano, “a seguito di notizie circa l’apertura del cantiere di edificazione di un complesso di villini sul sito neolitico di Palese, antico di 8.500 anni, prevista per lunedì prossimo, invita a partecipare ad una pubblica manifestazione sabato 25 agosto alle ore 18 davanti ai cancelli del previsto cantiere, in via Vittorio Veneto a Palese.
Le notizie giunte lasciano sgomenti i tanti cittadini che in questi anni si sono adoperati con crescente ansia ed impegno per la salvaguardia e la valorizzazione di una gigantesca area storica che, partendo dalla costa di Palese, interessa a ovest i territori di Giovinazzo, Modugno, Bitonto, Bisceglie, Molfetta, Terlizzi e si estende a est abbracciando le aree intorno allo stadio San Nicola, Carbonara, Ceglie e Torre a mare. Un tesoro storico-identitario immenso, come immense avrebbero potuto essere le ricadute sulla Cultura, l’Educazione, la Didattica, il Turismo, se per decenni non fosse ininterrottamente proseguita la cancellazione della Storia d’Europa partita dalla nostra terra”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Le recenti scoperte nell’area di ampliamento della pista aeroportuale avevano fatto rinascere la speranza di una riconsiderazione di quanto emerso cinque anni fa nell’area costiera di Palese, un pezzo integro di un villaggio neolitico i cui reperti tombali, rarissimi, furono portati via dalla Soprintendenza prima dell’autorizzazione alla cancellazione di una straordinaria testimonianza della nostra Storia e di cui, da allora, non si è saputo più niente. La visione di un sistema territoriale storico-identitario stava, nei nostri cuori puliti e onesti, decollando. Ma non è servito a nulla, anzi forse, nella più ottusa delle ipotesi, così come ottusa fu la corsa a distruggere quanto emerso con le ruspe il giorno dopo il rilascio del nulla osta della Soprintendenza, ha suggerito di accellerare l’inizio della colata di cemento: quel cemento che, come stabilito per altri recenti tragici accadimenti, coprirà millenni di Storia per resistere non oltre cinquant’anni”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Il Comitato Civico, come già discusso tra i tanti esperti che hanno dato la loro convinta disponibilità alla collaborazione, attuerà tutte le forme civilmente previste di protesta e si appellerà all’UNESCO, affinchè venga salvato da una vera foga talebana quanto ad oggi ha resistito e venga restituito alla disponibilità e fruizione di una comunità stanca dell’assenza di futuro”. Un video diffuso su YouTube illustrava le caratteristiche del sito archeologico:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nei giorni scorsi, residenti e sostenitori della causa avevano presenziato ad una manifestazione documentata con i video che vi proponiamo qui sotto. Prima parte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

seconda parte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

terza parte:

- Prosegue dopo la pubblicità -

quarta parte:

quinta parte:

sesta parte:

settima parte:

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui.