Tragedia sfiorata a Bisceglie: litigio tra braccianti africani, aggredito con un coltello

Ieri sera a Bisceglie, in Via Lama di Macina, per poco non si è sfiorata la tragedia. Infatti, un 22enne nigeriano ha tentato di accoltellare un suo connazionale 35enne. La segnalazione di una lite è pervenuta alla Centrale Operativa della Compagnia di Trani, tramite il 112 ed il militare addetto ha immediatamente inviato sul posto una pattuglia della locale Tenenza, il cui intervento si è rivelato rapido e risolutivo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Infatti, i militari, giunti nell’immediatezza sul posto, provvedevano a bloccare l’azione violenta che era in atto, facendo intervenire sul posto personale sanitario del pronto soccorso di Bisceglie per le cure del caso. Contestualmente, verificavano che i due extracomunitari, entrambi braccianti agricoli, residenti a Bisceglie, con regolare permesso di soggiorno, condividevano lo stesso tetto e che, prima dell’aggressione, stavano discutendo su come gestire le spese che dovevano sostenere per la coabitazione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per tali motivi, a seguito del rifiuto da parte del 35enne di corrispondere la propria quota per il pagamento di una bolletta di energia elettrica, come forse era già successo in passato, il 22enne perdeva la ragione e, brandendo 2 coltelli da cucina, si scagliava contro il proprio connazionale fino ad inseguirlo al di fuori dell’abitazione rurale e, una volta raggiunto, a sferrargli due fendenti all’altezza del torace. Fortunatamente questi non andavano a buon fine. Infatti il primo veniva evitato con agilità dall’aggredito, mentre il secondo veniva parato con l’avambraccio destro. n

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tale colpo procurava al 35enne una ferita lacero contusa molto vicino all’arteria radiale, la cui recisione avrebbe messo in serio pericolo la propria vita. Ultimati gli accertamenti, il 22enne veniva dichiarato in stato di arresto per tentato omicidio e, su disposizione della competente A.G., accompagnato presso la Casa Circondariale di Trani, in attesa di giudizio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: Comando Provinciale Carabinieri Bari – Sala Stampa