“A cena con le webseries” sei appuntamenti con il regista pugliese Michele Pinto

Si articolerà in sei appuntamenti, per sei sabato consecutivi, la rassegna cinematografica targata Morpheus Ego dal titolo “A cena con le webseries” che, dal 6 ottobre al 10 novembre, a partire dalle ore 20.30, presso la Tenuta Tedone Consolini di Ruvo di Puglia (Contrada Lama d’Ape, 482/a), proporrà al pubblico la proiezione di webserie e cortometraggi diretti dal regista pugliese Michele Pinto.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Introdotte e moderate dallo stesso regista ruvese, primo ad aver realizzato una webserie made in Puglia e fra i più noti, a livello nazionale ed internazionale, nel campo della produzione cinematografica webseriale, le serate vedranno proiezioni e dibattiti sui cambiamenti in atto nel mondo, attraverso gli occhi della rete. L’iniziativa di “A cena con le webseries” nasce dall’osservazione di come l’entertainment a livello globale stia mutando di continuo e a grande velocità. Contesto in cui gli infiniti scenari oggi offerti dal web 2.0 e dalle grosse piattaforme di video on demand, oltre ad alterare la modalità stessa di fruizione di un racconto filmico, arrivano a minare il ruolo, da sempre di rilievo, di mass media come il cinema e la televisione.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel corso di sei appuntamenti con “A cena con le webserie”, partendo dalla proiezione dei lavori filmici prodotti dalla casa di produzione cinematografica Morpheus Ego e diretti da Michele Pinto, si porrà l’attenzione su tali cambiamenti e si discuterà di libertà, diritti, ecologia e soprattutto del delicato equilibrio tra uomo e natura. Ogni proiezione sarà seguita da una cena di degustazione dei prodotti tipici murgiani preparati dalle cucine della Tenuta Tedone Consolini.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Appuntamenti:

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • 6 ottobre: “Project M” – La distopia di un mondo in cui l’arte è vietata.
  • 13 ottobre: “Figli di Madre Terra” – Il racconto del dramma Xylella in Puglia.
  • 20 ottobre: “Mio figlio è l’albero” – L’odissea di un uomo in cerca di un futuro per il proprio figlio.
  • 27 ottobre: “In Vino Veritas” – La storia del vino attraverso i secoli.
  • 3 novembre: “Tama Kelen” – Il viaggio che insegna, dal deserto al Mediterraneo.
  • 10 novembre: “Bishonnen” – Un’originale denuncia della violenza contro le donne.

Il 6 ottobre sii inizierà con la webserie “Project M”, reduce dal premio per il miglior lavoro di fantascienza conquistato al Tuscany Web Fest lo scorso 23 settembre a Porcari (Lu), e in concorso al Premio David di Donatello 2019.
“Project M” (2017) è la terza webserie del regista Michele Pinto, scritta dal molfettese Francesco Tammacco, con un cast interamente pugliese con attori di provenienza teatrale e cinematografica come Isabella Ragno, Fabrizio Fallacara e la modella, attrice e produttrice Xin Wang.

Un’opera coraggiosa e provocatoria che affronta un futuro distopico, incentrato sul consumismo e la produzione, principi cardini della società. In un mondo in cui l’arte diventa via di fuga da una realtà sterilmente e tristemente omologata, in cui siamo succubi dei potenti, gli artisti vengono visti come pericolosi, inutili e criminali e per questo incarcerati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Trailer Project M: https://www.youtube.com/watch?v=tI55BECEuOk