Puglia: il sindaco Melucci ritira le dimissioni

Dopo 20 giorni dalle sue dimissioni, il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha ufficialmente revocato le dimissioni dopo che, in 17  hanno firmato un documento politico-programmatico per riformare la coalizione di governo. Melucci si era dimesso da sindaco in seguito alla sconfitta alle elezioni per la presidenza della Provincia dove aveva vinto il sindaco di Castellaneta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Nei colloqui degli ultimi giorni” – ha dichiarato Melucci – “ho potuto appurare con soddisfazione che, intorno ad una aggiornata piattaforma programmatica e post ideologica, torna a vivere una maggioranza coesa che al di là della forma ora si arricchisce di contributi che superano le mere sottoscrizioni e raccontano più dei freddi numeri. Abbiamo tutti il dovere di ricercare una maggiore stabilità amministrativa, di ampliare la partecipazione alle scelte strategiche di questa epoca, di assicurare un ordinato sviluppo alla città, di continuare a rinvigorire l’immagine di Taranto, contenendo le pressioni esterne a questo territorio. E in questa direzione proseguirà il mio lavoro”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Riparto con la convinzione che– continua il sindaco“anche con il supporto di quei consiglieri con i quali in questa fase si è avviato un proficuo e responsabile dialogo, senza filtri e senza secondi fini, finalizzeremo presto i tanti progetti per la città e ci faremo apprezzare sempre di più dai tarantini. Ritiro oggi le mie dimissioni, dimissioni che non avevano alcunché di tattico, perciò credo abbiano fatto interrogare a dovere le istituzioni locali ed i gruppi politici. Anche perché, dinnanzi ad un nuovo venir meno della lealtà e del rispetto di ciò che i cittadini hanno stabilito nelle urne del giugno 2017, non ci sarebbe una seconda opportunità. Ringrazio i cittadini tutti per avermi testimoniato tanto calore in queste ultime settimane, è per loro e solo per loro che riprendo il timone” – conclude Melucci.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -