Puglia: cani denutriti e maltrattati. Canile lager sequestrato nel Salento. Trovate anche diverse carcasse di cani morti

- Prosegue dopo la pubblicità -

In seguito alla segnalazione di alcune volontarie, le Guardie Zoofile di Nardò  con la collaborazione dei Carabinieri forestali di Gallipoli e della Polizia Locale di Ugento e con l’ausilio di un drone,  hanno scoperto, in un luogo ben nascosto tra gli ulivi, un canile totalmente abusivo. Nel canile hanno trovato 35 cani in cattive condizioni, sprovvisti di microchip e chiusi in dei box.  Il poco cibo a disposizione dei poveri animali, era mischiato alle deiezioni degli stessi cani, mentre l’acqua in molti casi era putrida. Vicino al canile, appena fuori dal recinto le Guardie hanno trovato diverse carcasse di cani morti in avanzato stato di decomposizione e molte altre parzialmente sepolte.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In seguito a questo è stato chiesto l’intervento del Veterinario della ASL reperibile, il quale, però, si è rifiutato di intervenire perchè secondo lui, non c’era una situazione tale da richiedere la sua presenza. Intanto l’area interessata e tutti gli animali sono stati posti sotto sequestro Giudiziario dalle Guardie Zoofile coordinate dal Comandante Antonio Russo e dai Carabinieri Forestali Coordinati dal Maresciallo Bove  e dal Maresciallo De Santis.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le operazioni di identificazione e trasferimento dei cani sono state effettuate il giorno dopo da due veterinari ASL che, in modo professionale e responsabile, hanno dato la propria disponibilità ad effettuare tutte le operazioni di identificazione e trasferimento dei cani in altre strutture della provincia. Per quanto riguarda le carcasse dei cani morti, su disposizione della Procura, sono stati smaltiti con urgenza da una ditta specializzata fatta intervenire con urgenza sul posto dalla ASL.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il proprietario del canile abusivo è stato denunciato per diversi reati tra cui maltrattamento di animali e smaltimento illecito di animali. Intanto il Veterinario della Asl, che si è rifiutato di intervenire sul luogo, sarà sottoposto all’attenzione della Procura della Repubblica di Lecce  su richiesta della Polizia Giudiziaria operante al fine di valutare eventuali omissioni/inadempienze da parte dello stesso.