Estrazioni petrolifere con air-gun in Puglia, Ministro replica: “Mai firmato autorizzazioni e mai lo farò”. Di Maio: “Autorizzate dal Pd”. Ministero Ambiente annuncia incontro con i No Triv

“Oggi mi si accusa di aver autorizzato trivelle nel Mar Ionio. È una bugia. Queste “ricerche di idrocarburi” (che non sono trivellazioni) erano state autorizzate dal Governo precedente e in particolare dal Ministero dell’Ambiente del Ministro Galletti che aveva dato una Valutazione di Impatto Ambientale favorevole. A dicembre, un funzionario del mio ministero ha semplicemente sancito quello che aveva deciso il vecchio Governo. Non poteva fare altrimenti, perché altrimenti avrebbe commesso un reato”. Lo scrive il ministro dell’ Sviluppo economico e del Lavoro, Di Maio, dopo l’intervento del titolare del Ministero dell’Ambiente Sergio Costa e del sottosegretario allo Sviluppo Davide Crippa e l’immediata controrisposta del governatore della Puglia Michele Emiliano.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Da quando sono Ministro non ho mai firmato autorizzazioni a trivellare il nostro Paese e i nostri mari e mai lo faro‘”. Lo scrive su Facebook il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa. “Non sono diventato Ministro dell’Ambiente per riportare l’Italia al Medioevo economico e ambientale” chiarisce Costa aggiungendo che “anche se arrivasse un parere positivo della Commissione Via, non sarebbe automaticamente una autorizzazione. Voglio che sia chiaro”. “I permessi rilasciati in questi giorni dal Mise sono purtroppo il compimento amministrativo obbligato di un sì dato dal ministero dell’Ambiente del precedente governo, cioé di quella cosiddetta sinistra amica dell’ambienteprosegue aggiungendo chenoi siamo il governo del cambiamento e siamo uniti nei nostri obiettivi. Siamo e resteremo contro le trivelle. Quello che potevamo bloccare abbiamo bloccato. E lavoreremo insieme per inserire nel dl Semplificazioni una norma per bloccare i 40 permessi pendenti come ha proposto il Mise. Siamo per un’economia differente, per la tutela dei territori e per il loro ascolto”.Anche per questo incontrerò personalmente i comitati Notriv di tutta Italia. Per lavorare insieme a norme partecipate, inclusive e che portino la soluzione che tutti aspettiamo da anni” conclude il Ministro. La polemica è scoppiata a seguito della denuncia dei Verdi, in particolare di Angelo Bonelli, che ieri ha reso noto l’ok da parte del Mise a tre nuovi permessi di ricerca petrolifera nel mar Ionio su una superficie complessiva di 2200 chilometri quadrati a favore della società americana Global Med Llc, con sede legale in Colorado, Usa. “La ricerca autorizza l’uso dell’air gun, le bombe d’aria e sonore, che provocano danni ai fondali e alla fauna ittica: e’ il regalo di Luigi Di Maio alla Puglia e alla Basilicata dopo Ilva e le autorizzazioni alla Shell rilasciate dal ministero dell’ambiente“, ha sottolineato Bonelli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

E’ stata pronta e dura la replica del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha annunciato: “Impugneremo le nuove autorizzazioni rilasciate dal Mise a cercare idrocarburi nel Mar Ionio. Ci siamo sempre battuti in difesa del nostro mare, e continueremo a farlo“. Inoltre il governatore della Puglia sottolinea come “È insopportabile la bieca ipocrisia di chi, dopo aver finto di lottare al nostro fianco, appena giunto al Governo del Paese anche grazie ai tanti elettori sensibili a questo argomento, ora assume le medesime condotte dei governi precedenti che si volevano contrastare con la richiesta di referendum antitrivelle“. “Tali posizioni – aggiunge Emiliano – esprimono una totale indifferenza per le questioni ambientali e per la tutela dei nostri mari e dei nostri territori senza alcuna reale prospettiva di sviluppo economico. Ma soprattutto un cinismo spietato e lobbista come già constatato dalla Puglia nei voltafaccia insopportabili sulle questioni Ilva e Tap“.  “La firma dei permessi di ricerca petrolifera con l’Air Gun tra Natale e Capodanno, dà il senso – conclude – di una delusione grandissima nei confronti di avversari politici con i quali il Governo pugliese aveva lealmente collaborato su queste grandi battaglie senza esitare ad entrare in contrasto con i governi del centrosinistra“. Anche il sottosegretario al Mise Davide Crippa ha fatto sapere che “per quanto attiene i tre permessi di ricerca della società Global Med che ha interessano lo Ionio, il ministero dell’Ambiente ha ottenuto la valutazione di impatto ambientale favorevole nel 2017. Mesi prima che si formasse il Governo del cambiamento“. E, ha proseguito Crippa, “su questa ennesima eredità, così come sulle altre, daremo battaglia con una proposta che verrà presentata al decreto semplificazioni: un emendamento tale da bloccare l’iter di ben 40 titoli oggi pendenti. Esattamente – ha rilevato Crippa – come sono state bloccate già diverse altre opere invasive da quando siamo al Governo”. Quindi, è arrivata direttamente la smentita di Costa: il suo dicastero non ha mai rilasciato autorizzazioni in tal senso e “mai” lo farà.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).

- Prosegue dopo la pubblicità -