UE minaccia Puglia: “sospenderemo pagamenti Psr”. A rischio il reddito degli imprenditori agricoli.

“La Commissione ha svolto un’intensa attività di sorveglianza dell’attuazione dei programmi di sviluppo rurale in Puglia e ha imposto alle autorità di porre rimedio alle cause dei ritardi nell’avviamento delle misure”. Se questo non avverrà, Bruxelles è pronta a intervenire con “azioni in conformità ai regolamenti pertinenti”, ossia con misure come la sospensione dei pagamenti. Lo ha comunicato la stessa Commissione europea rispondendo a una interrogazione dell’eurodeputata pugliese del Movimento 5 Stelle Rosa D’Amato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Dopo la ricezione della relazione annuale sull’attuazione del 2018, prevista per il 30 giugno 2019, sarà condotta una valutazione – si legge nella risposta del commissario Ue all’Agricoltura Phil Hogan – Sulla base della relazione corrispondente si determinerà se vi sono state carenze o gravi carenze nel raggiungimento degli obiettivi che potrebbero richiedere azioni in conformità ai regolamenti pertinenti”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In altre parole, spiega D’Amato, Bruxelles minaccia la sospensione dei pagamenti come previsto dall’articolo del Regolamento Ue 1303/2013 citato dalla stessa Commissione nella sua risposta. Si tratterebbe di una sanzione gravissima che metterebbe a rischio il reddito degli agricoltori e lo sviluppo del territorio, tanto più in un momento cosi’ delicato per il comparto pugliese. La Regione batta un colpo, immediatamente”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nella sua interrogazione, l’eurodeputata del Movimento 5 Stelle chiedeva anche alla Commissione un parere sul bando regionale per la tutela dei muretti a secco che ha escluso tantissimi operatori di siti ad alto valore naturalistico: “Bruxelles non ha rilevato atti discriminatori da parte della Regione, ma ha ricordato che ‘nulla impedisce all’autorità di gestione di pubblicare un ulteriore invito a presentare domande’ per allargare la platea dei beneficiari. Mi auguro che la Regione segua questo suggerimento”.

- Prosegue dopo la pubblicità -