Grosso squalo pescato a sud della Puglia, specie di origine preistorica – video

“Complimenti” e saluti tra i passanti mentre un pescatore recuperava uno squalo di medie dimensioni dal porto di Castro (Lecce), nel Salento. Una situazione piuttosto comune se si considerano i precedenti: quello immortalato in un filmato che condividiamo qui sotto è con molta probabilità un esemplare di squalo capopiatto (Hexanchus griseus) volgarmente noto anche come “squalo vacca“. Si tratta del più grande squalo della famiglia Hexanchidae, in quanto può raggiungere i 5,4 metri. Si possono comunque trovare molte più specie somiglianti a questa tra i fossili che tra le specie viventi.

Alcuni di queste specie estinte risalgono a 200milioni di anni fa, e l’Hexanchus griseus ha caratteristiche peculiari sia primitive che tipiche di squali più moderni. Il colore del corpo varia dal rossastro al marrone fino al nero. La sua carne viene venduta fresca salata o surgelata. Viene anche pescato per ricavarne squalene ed esche. La ricercatrice e sub Jenny Oliver ha subito un’aggressione da parte di questa specie senza gravi danni, che l’hanno portata ad eseguire ricerche più approfondite sull’animale. In parole povere, si tratta di un pesce predatore a rischio e molto importante per la biodiversità marina. Era proprio indispensabile pescarlo e trascinarlo sino a riva ancora vivo? Questi animali andrebbero difesi perché già a rischio. Il video diffuso sul web:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).

- Prosegue dopo la pubblicità -