Puglia: impianto di videosorveglianza in casa per eludere i controlli delle Forze dell’ordine, arrestato spacciatore

I Carabinieri della Stazione di Casamassima hanno denunciato C.A., un 40enne del posto, già con precedenti specifici in materia di spaccio di sostanze stupefacenti che, nel corso di numerosi servizi di osservazione, era stato notato con diversi soggetti già noti come assuntori di sostanze stupefacenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

D’intesa con il P.M. del Tribunale di Bari dr. Giuseppe DENTAMARO, hanno svolto un’attività d’ indagine sul conto dell’uomo attraverso diversi servizi di osservazione in abiti civili, nonché l’acquisizione e l’esame dei tabulati telefonici relativi all’utenza in uso all’uomo, da cui è emersa una consistente e fruttuosa attività di spaccio allestita dallo stesso dal mese di febbraio 2018 al mese di gennaio 2019.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Alla luce di questi gravi indizi raccolti, i Carabinieri hanno sottoposto C.A. a perquisizione personale e domiciliare a seguito della quale è stato rinvenuto, debitamente occultato, il materiale necessario al taglio e al confezionamento della sostanza stupefacente, nonché una somma contante di circa tremila euro, ritenuta provento dell’ illecita attività. Nel corso della perquisizione, inoltre, gli investigatori hanno scoperto che l’abitazione era munita di un sistema di videosorveglianza allestito in maniera tale da monitorare l’eventuale arrivo delle Forze dell’Ordine. Sulla scorta della gravità di tali circostanze, il G.I.P presso il Tribunale di Bari, dott.ssa Luigia LAMBRIOLA ha emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare, senza prefissazione di termine di durata. Così in data 8 aprile 2019 il prevenuto è stato associato presso la Casa Circondariale di Bari.

- Prosegue dopo la pubblicità -