Bisceglie: il M5S “adotta” Piazza 8 Marzo e pianta nuovi alberi “in attesa dei patti di collaborazione”

Il Movimento 5 Stelle, già da qualche mese, ha “adottato” Piazza 8 Marzo. Gli attivisti biscegliesi a novembre 2018 – in occasione della Festa dell’Albero – avevano piantato nella piazzetta del quartiere Seminario delle specie arboree, gentilmente donate tramite la Portavoce alla Camera Francesca Galizia. E successivamente, a più riprese, gli stessi attivisti sono tornati in piazza a curare gli alberi piantati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Domenica 15 aprile, in occasione della Festa della Primavera, promossa in tutta Italia dal MoVimento, il Portavoce in Consiglio Comunale Enzo Amendolagine, le Portavoci nazionali Francesca Galizia e Bruna Piarulli, la Portavoce regionale Grazia Di Bari – insieme a tanti attivisti e cittadini – si sono ritrovati in Piazza 8 Marzo per prendersi ancora cura di uno dei pochissimi spazi verdi del quartiere.

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sono state ripulite le aiuole e le zone prospicienti la piazza da ogni genere di rifiuti, è stata rasata l’erba alta – grazie al prezioso contributo di tre giardinieri volontari, gli amici Carlo e Ruggiero di Lecce e Carlo De Molfetta – e sono state piantate delle piante a fioritura estiva. Sono state inoltre rimosse le reti messe in inverno a protezione degli alberelli.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il Movimento 5 Stelle ha messo in campo nei fatti un “patto di collaborazione”: un giardino pubblico è un bene comune e i cittadini devono poter prendersene cura. Per questo motivo, mesi fa il Portavoce Enzo Amendolagine aveva proposto nell’ambito della I Commissione consiliare “Statuto e regolamenti” l’adozione di una bozza di regolamento, appunto, sui patti di collaborazione che finalmente – anche a Bisceglie, come sta avvenendo in tante altre città – andrebbero regolamentati per consentire a libere associazioni di cittadini e altri soggetti privati di prendersi cura dei “beni comuni”. La bozza di regolamento sui patti di collaborazione, approvata in Commissione, non è mai arrivata in Consiglio Comunale e non è chiaro che fine abbia fatto.