Puglia: armato di pistola effettua una rapina nel bar di cui è assiduo frequentatore. Subito identificato viene arrestato dalla Polizia

Nel pomeriggio odierno, gli agenti della volante sono intervenuti in un bar di via Adriatica a Lecce, per una segnalazione di aggressione in atto da parte di un giovane armato di pistola del quale veniva fornita la descrizione. Dalle prime notizie acquisite sul posto, gli Operatori accertavano che vi era stata una rapina, in quanto il malvivente era entrato all’interno di un Bar, estraendo una pistola dalla cintura dei pantaloni e, dopo averla puntata verso il figlio del titolare dell’esercizio, che in quel momento era dietro la cassa, minacciava di sparargli e di buttargli contro gli espositori di vetro.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Mentre il rapinatore scarrellava la pistola in direzione del giovane che era costretto a buttarsi per terra dietro al banco, il cassiere, approfittava della momentanea distrazione di quest’ultimo e usciva in strada da una porta laterale per chiamare il 113. Nel frattempo il malvivente, dopo aver girato l’angolo del bancone, si dirigeva verso la cassa dove prelevava banconote e scontrini, davanti a diversi avventori intimoriti e, dopo essere uscito dal bar, vi rientrava nuovamente per arraffare delle caramelle da alcuni espositori, mettendole in tasca prima di darsi alla fuga. Immediatamente, gli agenti si ponevano alla ricerca della persona descritta che veniva individuata subito dopo, in una strada adiacente al luogo dove si erano svolti i fatti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Inoltre si accertava che il rapinatore, successivamente identificato per M.G., leccese del’74, era persona già conosciuta alle forze di polizia per precedenti di Polizia per rapina e altro ed era frequentatore di quell’esercizio commerciale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel corso degli accertamenti di polizia si rinvenivano, nella tasca posteriore destra dei pantaloni, sette scontrini ed una ricevuta di pagamento SISAL PAY, tutti dell’esercizio commerciale dove era stata perpetrata la rapina, che si accerterà dopo, essere scontrini non pagati dal rapinatore nei giorni passati e conservati dal titolare che, a detta del titolare del bar, ammonterebbe alla somma di circa 3000 euro. Mentre non veniva ritrovata né l’arma e né la refurtiva. Al termine degli accertamenti di rito, M.G. veniva tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Lecce con l’accusa di rapina aggravata in flagranza.

- Prosegue dopo la pubblicità -