Cinghiali “integrati” a Bari: famiglia con cuccioli gioca nel parco vicino alla scuola

In un tempo di integrazione, non solo di persone ma anche nei confronti degli amici animali, la città di Bari sembra molto avanti rispetto ad altri capoluoghi regionali:

- Prosegue dopo la pubblicità -

a parte il sarcasmo, risulta evidente la presenza piuttosto invadente di esemplari selvatici di cinghiale che, nonostante le ripetute operazioni di cattura promosse da amministrazione cittadina ed enti regionali, proseguono a riprodursi e a scorrazzare liberi tra le vie cittadine (sopratutto nel quartiere San Paolo). Nulla contro questi esseri viventi se non i potenziali rischi di incontri ravvicinati pericolosi qualora – ad esempio – davanti a loro dovesse sbucare un cane o un bambino poco abituato alla loro presenza:

- Prosegue dopo la pubblicità -

E non rappresentano un caso le notizie di aggressioni sia nei confronti di persone che nei confronti di cani. Tuttavia, non vogliamo nemmeno demonizzare questi animali, che hanno soltanto l’unica colpa di essere stati vergognosamente introdotti molto probabilmente da bracconieri idioti ed incompetenti per scopi venatori, causando la devastazione agricola dell’Alta Murgia (la specie non è autoctona ma originaria del nord Europa). Dunque, battute a parte, occorre vigilare e prestare molta attenzione: non avvicinatevi a questi animali, non date loro da mangiare e lasciateli in pace, auspicando che gli enti preposti possano trasferirli altrove. Nel frattempo, comunque, ci sembra anche giusto pubblicare le foto diffuse sui social da alcuni cittadini baresi nelle ultime ore:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).

 

- Prosegue dopo la pubblicità -