A Trani nel Palazzo delle Arti Beltrani “Libri e letture al tempo di Leonardo. Le cinquecentine”

Oggi 1 giugno presso il Palazzo delle Arti Beltrani, sede della Pinacoteca “Ivo Scaringi“, ci saranno una serie di importanti iniziative ed incontri culturali organizzati nell’ambito della mostra “Il Genio. 500 Anni di meraviglia” dedicata a Leonardo da Vinci. Tali eventi, inizialmente previsti a maggio, come da comunicati precedenti, sono stati rinviati a causa dell’ordinanza di chiusura degli Istituti Scolastici per il terremoto. Ecco gli eventi in programma:

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • sabato 1 giugno: ore 18:00 “Libri e letture al tempo di Leonardo. Le cinquecentine” fino al 21 giugno, a cura di Biblioteca Giovanni Bovio di Trani e Biblioteca Sant’Annibale Maria di Francia dei Padri Rogazionisti. Ore 18:30 “Le donne, i cavalieri, l’arme, gli amori” a cura dell’Ass. Cult. Traninostra.
  • L’evento, che fa parte del Maggio dei Libri 2019, rientra anche tra le varie attività collaterali nell’ambito del progetto IL GENIO. 500 ANNI DI MERAVIGLIA realizzato dall’Associazione Delle Arti in collaborazione con CREATTIVAmens e con il Centro Culturale Polifunzionale della città di Trani di Palazzo Beltrani, che gode dei patrocini dell’Assessorato alle Culture della città di Trani, Teatro Pubblico Pugliese, Festival internazionale Castel dei Mondi, Ordini degli Ingegneri e Architetti della BAT, e che vede la partecipazione del Liceo Artistico Federico II Stupor Mundi di Corato, dell’IISS Aldo Moro e del Liceo scientifico statale “Valdemaro Vecchi” di Trani. I testi selezionati per l’esposizione, tra Incunaboli e Cinquecentine provenienti dalla Biblioteca “Giovanni Bovio” di Trani e dalla Biblioteca dei Padri Rogazionisti di Sant’Annibale Maria di Francia, riguardano discipline scientifiche, storiche, filosofiche, religiose e giuridiche.

    Subito dopo, a seguire,  ci sarà l’incontro Le donne, i cavalieri, l’arme, gli amori”, il primo degli incontri facenti parte di un più ampio ciclo di approfondimenti culturali coordinati dall’archeologo Giuseppe Ruggiero, incentrati sulle attività del territorio di Trani negli anni di Leonardo. Le donne, i cavalieri, l’arme, gli amori: l’incipit dell’Orlando Furioso è sembrato all’Associazione Traninostra riassumere pienamente l’intreccio di vicende storiche che si succedono nei palazzi, lungo le vie, nelle piazze, nel porto di Trani nel periodo compreso tra il 1452 e il 1519. Quando Leonardo, formatosi alla corte di Lorenzo il Magnifico, viaggiava per le corti, da Milano a Parigi passando per Roma, a Trani cosa accadeva?

    Traninostra vi guiderà in un viaggio nel tempo focalizzato sull’approfondimento di aspetti epistemologici, letterari, artistici e scientifici del grande Genio facendo “parlare” i documenti che la nostra città conserva; saranno gli atti del nostro Libro Rosso a farci rivivere quelle atmosfere che tanto hanno inciso nella storia cittadina. L’idea è quella di far conoscere questa pagina della nostra storia in modo accattivante, attraverso gli interventi di:

    • Camilo Andres Palumbo, giovane studente della facoltà di Storia e Scienze sociali dell’Università di Bari, che traccerà il quadro storico;
    • Lucia Fiore, responsabile per tanti anni della Biblioteca “G. Bovio”, che descriverà le meravigliose cinquecentine custodite nello scrigno di Trani;
    • Carlo Cellamare, esperto in numismatica, che ci parlerà dell’affascinante storia delle monete in uso in quel tempo;
    • Angela Di Nanni, Presidente di Traninostra e docente del Liceo “V. Vecchi”, che svelerà attraverso l’analisi di alcuni importanti documenti dell’epoca, gli amori, i duelli, le imprese e la vita quotidiana del popolo tranese all’epoca di Leonardo.

    È un appuntamento da non perdere con la storia, con le nostre radici, con la nostra adorata Trani. Ingresso libero.

  • mercoledì 5 giugno: ore 19:30 “Cafè Philò. CAFFÈ FILOSOFICO-SCIENTIFICO: IL NATURALISMO RINASCIMENTALE DI LEONARDO” a cura del Liceo Scientifico V. Vecchi di Trani.
  • martedì 11 giugno ore 18:30 “A cena con Leonardo” a cura dell’Istituto Aldo Moro di Trani.