“Salento Book Festival”, Capone: “Il libro nelle piazze per una cultura del dialogo e dell’ascolto”

“La Regione e i comuni insieme. L’assessorato alla Cultura della Regione Puglia insieme a tanti Comuni del Salento si uniscono in rete per leggere, per dialogare con gli autori, per stimolare la lettura. Lo facciamo con la presenza di grandissimi autori che riflettono sulla contemporaneità, ma anche sulla storia e che sostanzialmente hanno il piacere di farlo in piazza, tra la gente”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Così l’assessore alla Cultura della Regione Puglia, Loredana Capone intervenendo questa mattina a Lecce alla conferenza stampa di presentazione della nona edizione del “Salento Book Festival”, la rassegna rnazionale del libro firmata da Luca Bianchini con la direzione organizzativa di Giampiero Pisanello.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Questo era il nostro obiettivo – ha continuato l’assessore Caponee Giampiero Pisanello con Salento Book Festival credo che sia davvero riuscito a raggiungerlo. Un obiettivo di confronto nelle piazze, per allargare il perimetro di chi legge e per dare la possibilità a tutti di un confronto aperto, senza filtri, e contemporaneamente la possibilità di uscire dai social. Non ci sono solo i social. Occorre saper apprezzare anche la bellezza di confrontarsi nella piazza, di ascoltare la viva voce degli autori, di vivere l’emozione di un racconto. È questa bellezza che poi ci spinge anche a stare con gli altri, a rispettarli”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Puntare sulla cultura – ha concluso la Capone – è fondamentale: con Salento Book Festival le nostre piazze si animano della cultura del dialogo e dell’ascolto. Un grande successo non solo per i cittadini, ma anche per i turisti che scoprono così una Puglia ricca di cose da raccontare”. Alla conferenza stampa sono intervenuti i sindaci e gli assessori dei comuni protagonisti del Festival: Aradeo, Corigliano d’Otranto, Galatone, Gallipoli, Galatina e Nardò.

- Prosegue dopo la pubblicità -