Puglia: arrestate tre persone che minacciarono con la pistola la commessa di un’oreficeria prendendola persino a schiaffi

Nelle prime ore della mattinata odierna, Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola ha eseguito una ordinanza applicativa di misura cautelare personale, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Foggia, a carico di tre soggetti (due uomini e una donna), ritenuti gravemente indiziati del reato di concorso in rapina aggravata. Il provvedimento cautelare scaturisce dagli esiti di una articolata attività investigativa, coordinata e diretta dalla Procura della Repubblica di Foggia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

In particolare, lo scorso 8 marzo, un uomo ed una donna, dopo essere entrati in una gioielleria ubicata in corso Aldo Moro di Cerignola, avevano inizialmente simulato di essere interessati all’acquisto di alcuni articoli, per poi minacciare la commessa, puntandole contro una pistola, immobilizzandola e colpendola con uno schiaffo in pieno viso, in modo da impedirle qualsiasi reazione. Poco dopo, un terzo soggetto, armato di uno storditore elettrico (cd.taser), faceva irruzione all’interno della gioielleria e, unitamente ai due complici già all’interno, si impossessava di numerosissimi articoli commerciali, per poi darsi alla fuga con un’autovettura con targa clonata condotta da un quarto complice non ancora identificato.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le attività di indagine dirette dalla Procura della Repubblica di Foggia e svolte dal Commissariato di P.S. di Cerignola consentivano rapidamente di acquisire solidi elementi indiziari a carico dei tre soggetti e di richiedere le misure cautelari disposte dal G.I.P. di Foggia. I due uomini arrestati sono stati, rispettivamente, condotti presso la Casa Circondariale di Foggia e di Torino, mentre la donna, essendo madre di 4 figli minori, è stata sottoposta agli arresti domiciliari presso la sua abitazione sita nel Comune di Torino.

- Prosegue dopo la pubblicità -

 

- Prosegue dopo la pubblicità -