Puglia: vinse un miliardo al Totocalcio ma gli bloccarono la vincita, muore d’infarto 38 anni dopo lunghe battaglie legali

Vinse all’incirca un miliardo di vecchie lire ma la vincita al Totocalcio non gli fu mai riconosciuta. Dopo 38 anni di lunghe battaglie legali, l’uomo è deceduto d’infarto senza mai incassare un solo centesimo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

protagonista della triste vicenda, Martino Scialpi, un commerciante ambulante di Martina Franca, allora poco meno che 30enne, vincitore di una schedina del Totocalcio nel 1981. L’uomo non si era mai arreso ingaggiando una lunga ed estenuante battaglia giudiziaria contro il Coni:

- Prosegue dopo la pubblicità -

secondo l’organizzazione nazionale, la schedina vincente non sarebbe mai arrivata all’archivio del Totocalcio. Qualche anno fa, aveva anche scritto un libro “Ho fatto 13” per raccontare la sua odissea. E’ stato anche processato e poi assolto in via definitiva nel 1987 dall’accusa di truffa. Stando ad un calcolo di rivalutazione, se avesse incassato oggi la vincita, la stessa gli avrebbe fruttato una decina di milioni di euro. Muore d’infarto a 68 anni senza mai aver ricevuto un solo centesimo. Con molta probabilità, saranno gli eredi a proseguire la storica causa legale.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com)

- Prosegue dopo la pubblicità -