Nel barese migrante pedofilo tenta di rapire bambino, arrestato in tempo ma prende a calci i Carabinieri. Comunità sotto shock

Una notizia a dir poco sconvolgente giunge dal comune di Casamassima (Bari)

- Prosegue dopo la pubblicità -

stando a quanto riportato da molteplici testate giornalistiche telematiche attraversi articoli diffusi online, infatti, un presunto pedofilo di nazionalità indiana, R. K., di 34 anni, ha tentato di rapire un bambino. Fortunatamente, l’operazione criminale è stata scongiurata in tempo. Stando ad una prima ricostruzione, infatti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

la singolare vicenda è avvenuta l’altra sera intorno alle 20,00 via don Minzoni, la strada accanto alla Villa comunale di Casamassima, nella zona dell’istituto scolastico “Marconi“. Qui, l’indiano ha dapprima spiato la madre con il piccolo – un bambino di soli 5 anni di vita – e poi, una volta giunto il padre con l’automobile, ha tentato di prelevare il bambino dal finestrino del mezzo. Ne è nata una veloce ma violenta colluttazione con il disperato tentativo del genitore di salvare il proprio figlioletto dalle grinfie dell’uomo straniero. Riuscito a rientrare in auto con il bambino, il padre del piccolo ha tempestivamente contattato l’Arma dei Carabinieri:

- Prosegue dopo la pubblicità -

sul posto sono sia giunti i militari della locale compagna che alcuni colleghi della compagnia di Gioia del Colle, che hanno provveduto a bloccare in tempo il migrante pedofilo. L’uomo risultava da tempo noto in città ed era piede libero. Il comunicato ufficiale diffuso dai Carabinieri:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Casamassima hanno tratto in arresto, per tentato sequestro di minore e resistenza a pubblico ufficiale, un 35enne di origine indiane, censurato e senza fissa dimora. L’uomo, nella serata di ieri, nei pressi della locale villa comunale, si è avvicinato al conducente di un’autovettura, e ha iniziato ad urlargli di consegnare il bambino di cinque anni, entrato da poco nel veicolo con il padre, il tutto sotto gli occhi di numerosi testimoni. Il malintenzionato ha assunto da subito un atteggiamento violento, cercando prima di aprire lo sportello lato passeggero e successivamente di estrarre dal finestrino il minore afferrandolo per il braccio destro. La tempestiva reazione del padre che è riuscito a vincere la resistenza dello straniero  e subito dopo a bloccare  portiere e finestrini, ha interrotto l’intento criminoso dell’indiano. Quest’ultimo non datosi per vinto, ha continuato a picchiare sul cofano dell’autovettura per poi porsi  all’inseguimento a piedi del veicolo una volta in marcia. Grazie all’immediato intervento dei militari della locale Stazione, che stavano pattugliando il territorio,  lo straniero è stato bloccato proprio mentre correva lungo la pubblica via nel tentativo di raggiungere il predetto veicolo. Durante queste fasi, l’uomo ha cercato di divincolarsi dalla prese dei militari, scalciando e spintonandoli. Le vittime fortunatamente non hanno riportato lesioni, ma di sicuro come raccontato dal padre sono rimasti impietriti e terrorizzati dal comportamento tenuto dallo straniero. Al momento sono in corso accertamenti e approfondimenti per appurare i motivi del gesto. L’uomo tratto in arresto, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Bari,  ove rimarrà a disposizione dell’ A.G.” – conclude il comunicato diffuso dall’ufficio stampa del comando provinciale dei Carabinieri, che quindi conferma anche violenze del criminale anche ai danni dei militari. Si tratta di un soggetto senza fissa dimora, adesso arrestato. Gli articoli diffusi online dalle testate giornalistiche:

https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/bari/1152138/casamassima-tenta-di-rapire-bimbo-dallauto-del-padre-preso.html

- Prosegue dopo la pubblicità -

Casamassima, tenta di rapire bimbo di 5 anni dalla macchina: arrestato indiano 34enne

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -