Roghi in Puglia, un Sindaco si rivolge ai Carabinieri “siamo in ostaggio per colpa di irresponsabili”

Troppi roghi in un comune del leccese, il Sindaco decide di rivolgersi all’Arma dei Carabinieri:

- Prosegue dopo la pubblicità -

E’ accaduto nel comune di Leverano, dove il primo cittadino, a seguito di tentativi della Polizia Locale di risalire all’identità degli autori dei roghi che hanno causato l’emissione di fumi di diossina inquinante, ha deciso poi di rivolgersi ai militari. Sulla Pagina Facebook del comune di Leverano si legge:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“L’ennesimo episodio accaduto martedì scorso, 2 luglio, è stato un fatto molto grave.
Un fumo denso ha invaso il nostro paese. Migliaia di cittadini costretti a chiudersi in casa o a convivere per ore con un fumo maleodorante. Un’intera comunità tenuta in ostaggio per colpa di qualche irresponsabile. Questo accade da anni nel nostro paese e non è più tollerabile. Stamattina il Sindaco ha consegnato ai Carabinieri una denuncia-querela relativa al grave episodio. Questo permetterà all’Autorità giudiziaria di fare indagini accurate per individuare i colpevoli dei fatti in questione.  Ci auguriamo, inoltre, che serva come deterrente contro altri episodi del genere. Ricordiamo inoltre, che in queste settimane sono stati contestati circa cinquanta verbali per aree urbane incolte, che rappresentano anch’esse un rischio per i cittadini. Bruciare sterpaglie, scarti della produzione agricola, plastica o qualunque altro materiale, è vietato, ma soprattutto è nocivo per la salute dei cittadini. Invitiamo tutti a collaborare denunciando fatti del genere. Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale”. Il post diffuso su Facebook:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).