Taranto: cittadini provano a costruire un’alternativa sostenibile, tra cozze e cavallucci marini – video

Taranto, una delle città piu’ belle al mondo: antichissima, ricca di Storia, Archeologia, biodiversità. Una città purtroppo ultimamente nota troppo spesso per la delicata questione dell’acciaieria. Ma i tarantini saranno costretti a parlare soltanto dell’ex ILVA (oggi gestita da una multinazionale) oppure c’è un’alternativa fattibile e sostenibile che potrebbe essere ulteriormente applicata per un turismo ed un’economia sostenibile alla portata di tutti? La risposta è si: c’è un’alternativa e alcuni cittadini ce la stanno mettendo tutta per promuoverla. Scopriamo come:

- Prosegue dopo la pubblicità -

da anni la locale sezione del WWF sta promuovendo l’area dell’Ecomuseo Palude La Vela e del Mar Piccolo. Si tratta di aree naturali che potrebbero offrire all’intera comunità tantissimi posti di lavoro. Se ne è parlato in questo articolo: https://www.ilpaesesera.it/taranto-ambiente-speranza-acciaio. Condividiamo il diffuso online:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).

- Prosegue dopo la pubblicità -