Puglia: no alle auto parcheggiate nel Parco Naturale. Adesso basta!

“Via le macchine da Punta Macolone, non si può più far finta di niente” – così un cittadino sui social attraverso una foto pubblicata su Facebook che documenta la presenza di svariati veicoli parcheggiati nell’area naturale:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Chi di competenza deve prendere provvedimenti, con la massima urgenza” – ha aggiunto l’utente segnalatore. Per chi non lo sapesse, Punta Macolone ospita da tempo una porzione del Parco naturale regionale Litorale di Ugento (Lecce), area naturale istituita con Legge Regionale n. 13 del 28 maggio 2007. Spetta pertanto alle istituzioni – unitamente ai cittadini sensibili alla questione ambientale – il compito di difendere quest’area da chi non rispetta le regole. L’area è visitabile, ma le auto andrebbero parcheggiate altrove. Oltre ad un potenziale danneggiamento della biodiversità floro-faunistica attraverso il transito di mezzi non autorizzati, infatti, il rischio è che la presenza di questi veicoli possa persino causare un potenziale incendio. Le auto vanno parcheggiate in aree dedicate con tutti i sistemi di sicurezza appropriati. Con questa segnalazione, si auspica un celere intervento delle forze dell’ordine, anche a tutela del patrimonio turistico del territorio. Il link alla foto diffusa online:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Via le macchine da Punta Macolone, non si può più far finta di niente.Chi di competenza deve prendere provvedimenti, con la massima urgenza.

Pubblicato da Francesco Cino su Sabato 27 luglio 2019

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).

- Prosegue dopo la pubblicità -