Conte, il pugliese che non dimentica la sua terra: firmato contratto da 280 milioni per salvare la Capitanata. L’ultima mossa del premier gentiluomo prima della fine del Governo – video

“Domani mattina sarò alla Prefettura di Foggia per la firma definitiva del Contratto istituzionale di sviluppo che darà il via libera ai cantieri per i progetti di rilancio del territorio della Capitanata. Potrete seguire l’evento in diretta streaming qui sulla mia pagina a partire dalle 11.30 circa” – lo aveva annuncia il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte del 12 agosto e il 13 agosto, puntualmente, Conte si è presentato a Foggia:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il premier del Governo attualmente in crisi si è presentato con il Ministro del Sud, Barbara Lezzi per la firma del contratto che impegna l’istituzione centrale a promuovere lo sviluppo nella bellissima ma difficile terra della Capitanata. Tra gli obiettivi: la promozione del turismo, dei prodotti tipici, dell’innovazione tecnologica. La Daunia, lo ricordiamo, è terra di origine anche dello stesso Conte. In ballo progetti per un investimento totale da 280 milioni con previste immediate ripercussioni sull’economia della Capitanata che vuole fare terra bruciata alla Mafia. Parole di compiacimento sono state espresse anche sul web da numerosi cittadini che di Conte hanno apprezzato la caparbietà e l’impegno istituzionale nei confronti delle comunità più deboli. L’auspicio è che chiunque lo sostituirà, possa proseguire il lavoro che ha cominciato. Anche se, a dirla tutta, l’impressione è che la Puglia e l’Italia intera rischi di rimpiangere un uomo come Giuseppe Conte. Il video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -