Installate a Bari antenne 5G. Intanto a Bruxelles risultano bloccate perché ‘I cittadini non sono cavie, servono standard di sicurezza’ – i video che tutti dovrebbero vedere

“Se possano o meno provocare danni alla salute pubblica non si sa, resta un tema controverso in assenza di evidenze scientifiche, come certificato dal Comitato Scientifico Europeo, eppure in Puglia sono spuntate come i funghi le prime antenne per i nuovi ripetitori del 5G a Bari e ad Andria” – a dichiararlo è il consigliere regionale Nino Marmo (Forza Italia). Nella sua analisi, Marmo prosegue così:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Ora, posto che non vorremmo che i nostri cittadini fossero utilizzati come cavie in assenza di studi sugli effetti dell’esposizioni ai campi elettromagnetici così prodotti, chiedo al presidente Emiliano se sia a conoscenza della sperimentazione avviata nei due Comuni pugliesi e cosa stia facendo la Regione per monitorare la situazione e l’evoluzione del 5G. Facciamo un passo indietro. A ottobre 2018 si è chiusa l’asta per il 5G, con la quale lo Stato ha incassato oltre 6,5 miliardi vendendo a privati le bande di frequenza che serviranno per questo scopo” – ha proseguito Marmo, che ha aggiunto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Tra i ‘lotti’ è compreso quello della ‘banda millimetrica’ (frequenze superiori a 24GHz), la ‘banda pioniera per il 5G’ che permette di abilitare nuovi modelli di business entro il 2020, con l’obiettivo di coprire entro il 2025 il target delle aree urbane. Stando a quanto comunicato dall’Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e Ambientale (AMICA), il Governo Italiano non avrebbe chiesto alcun parere sanitario sulla sicurezza dei campi elettromagnetici prima di procedere all’asta per il 5G. Ora, siamo tutti convinti che l’innovazione tecnologica e infrastrutturale debba essere promossa e sostenuta, ma siamo altrettanto convinti che questo passaggio possa avvenire solo con un adeguato controllo precauzionale. Chiedo alla Giunta regionale, quindi, se si stia attivando in qualche modo per avere lumi sulla questione e per richiedere al governo di avviare uno studio preventivo sui possibili effettivi del 5G, rasserenando i cittadini che hanno visto montare i ripetitori anche nei pressi di alcune scuole” – conclude Marmo. Occorre inoltre sapere che, mentre nelle grandi città pugliesi le antenne per l’installazione dei ripetitori della tecnologia 5G sono già una realtà, a Bruxelles il Governo ha preventivamente bloccato la sperimentazione. Come ricordano anche articoli di testate giornalistiche nazionali italiane, infatti, la Ministra dell’ambiente belga ha dichiarato che: ‘I cittadini non sono cavie, servono standard di sicurezza’, avviando approfondimenti tecnici-scientifici per verificare eventuali forme di inquinamento ed impatto negativo sulla salute umana. A tal proposito, condividiamo qui sotto alcuni reportage indipendenti diffusi dal blogger Claudio Messora:

- Prosegue dopo la pubblicità -

COSE CHE NON SAI SUL 5G [1/3]: Come funziona – Andrea Grieco:

- Prosegue dopo la pubblicità -

COSE CHE NON SAI SUL 5G [2/3]: L’impatto sulla salute – Fabiana Manservisi:

- Prosegue dopo la pubblicità -

COSE CHE NON SAI SUL 5G [3/3]: L’impatto sulla psiche e sugli elettrosensibili – Annunziata Difonte:


IL 5G È SICURO? Video del convegno:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp dell’area metropolitana di Bari per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.