Allarme bomba a Taranto: evacuate acciaieria e raffineria Eni ma era un bluff

Un post su Facebook ha scatenato il panico del tarantino:

- Prosegue dopo la pubblicità -

così come riportato da alcune fonti giornalistiche, un uomo ha diffuso un post dove annunciava un allarme bomba, causando una situazione di allerta negli stabilimenti industriali. In via precauzionale sono state evacuate l‘ex Ilva di Taranto e la raffineria Eni. Poi la rivelazione:

- Prosegue dopo la pubblicità -

sul posto sono giunti anche gli artificieri dell’Arma dei Carabinieri, che hanno constatato la mancanza di ordigni nel territorio. L’uomo che aveva lanciato l’allarme – un operaio di 41 anni, elettricista nell’area portuale gestita da ArcelorMittal – ha ammesso di aver diffuso un allarme infondato, un bluff spinto da un non meglio precisato “senso di frustrazione personale”. Il link dell’articolo diffuso online dalla Gazzetta:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Clicca qui per visualizzare l’articolo

- Prosegue dopo la pubblicità -

La notizia è stata segnalata alla nostra redazione (a tal proposito, ricordiamo ancora una volta che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp di Taranto e Provincia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com).

 

- Prosegue dopo la pubblicità -