Ceta, protestano agricoltori pugliesi

Protestano a Sud della Puglia –  “Siamo contadini, agricoltori, imprese, associazioni, cittadini e cittadine, che lavorano insieme nel Salento per promuovere un modello di vita basato sulla tutela della nostra biodiversità, naturale ed umana, e nel rispetto delle persone e della natura”. Inizia così la lettera sottoscritta da 37 associazioni e imprese agricole che dal 2016 afferiscono alla rete Salento Km0, impegnata nella costruzione “di filiere economiche innovative e sostenibili, per aumentare le opportunità di chi sceglie di rimanere al Sud e restituire dignità ai luoghi che abitiamo, e per combattere ogni forma di sfruttamento. Le stesse motivazioni – incalzano talune organizzazioni agricole cui firma riportata qui sotto – per cui, immaginiamo, Lei scelse di fare la sindacalista e lottare per i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici in agricoltura”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Può immaginare – continuano – il nostro sconcerto (e sconforto) nel leggere le sue dichiarazioni su CETA e OGM, che prevedono un’apertura alla ratifica del trattato di liberalizzazione commerciale tra Europa e Canada e agli OGM. Come Lei dovrebbe sapere, il CETA non favorisce il made in Italy né tutela le produzioni di qualità italiane ed è considerato un “cavallo di Troia” per aggirare in realtà quei limiti che l’Unione Europea impone alla circolazione di prodotti alimentari con residui di pesticidi nel cibo, all’uso di ormoni ed antibiotici nell’allevamento, all’uso sul grano in pre-raccolta del diserbante Glifosate, ai divieti imposti dall’Italia alla presenza di OGM nell’alimentazione umana”. La Rete Salentina dei Coltivatori di Cambiamento Salento Km0 è composta da:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Associazione Salento Km0, Galatina; Laboratorio Beth, Lecce; Associazione Diritti a Sud / Sfruttazero, Nardò; Terre Paduli Az. agricola, Nardò; Aps Verdesalis, Nardò; Soc Coop. Agricola Karadrà, Aradeo; Lagorosso Az. agricola, San Donato di Lecce; Melusina Az. agricola, San Donaci; Associazione Staiterraterra, Felline; Associazione Officine Cittadine, Collepasso; Apicoltura Saverio Alemanno, Copertino; Società Agricola Merico Maria Rosa, Miggiano; Associazione Casa Delle Agriculture Tullia e Gino, Castiglione d’Otranto; Società agricola cooperativa Casa delle agriculture, Castiglione d’Otranto; Agricola Nerò, Zollino; Madreverde – Az. Agricola Mauro Mauramati, Ugento; Terrarossa Cooperativa Sociale, Tricase; Agriturismo Lu Schiau, Serrano; Orti di Vita Az. Agricola, Calimera; S.S. Agr. Cantina Supersanum, Supersano; Gli Orti di Peppe Az. agricola, Tricase; Comunità Cooperativa di Zollino; Associazione MalaChianta, Squinzano; Ciaula Aps, Neviano; Salos Az. agricola, Otranto; Fontanelle Az. agricola, Otranto; Dinamica Salentina Az. agricola, Galatone; Sciacuddri Az. agricola, Cutrofiano; Azienda Agricola Le Fattizze, Nardò; Azienda agricola Cosimo Chiriasi, Nardò; Azienda agricola Corrado Losavio, Tuglie; Soc. agr. Semplice Siliqua, Vitigliano; Azienda agricola Gira Gisberto Emiliano, Nardò; Associazione Città Fertile, Lecce; Associazione Itaca – Luna Laboratorio Rurale, Galatone; Azienda agricola Ruralia di Mustich Loredana, Lequile; Mulino Maggio, Poggiardo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -