“Cerignola nuova terra dei fuochi”. Ora il caso è nazionale: anche rifiuti del napoletano sversati nel foggiano

Sta facendo molto discutere l’articolo diffuso da L’Avvenire riguardante la criminalità organizzata e lo smaltimento illecito di rifiuti nel territorio di Cerignola e nel foggiano:

- Prosegue dopo la pubblicità -

nell’articolo vengono menzionati interramenti illeciti, roghi tossici e inquinamenti di corsi d’acqua e inchieste effettuate sin dal 1998, quando la “Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti” menzionava alcuni di questi fenomeni attraverso al “Relazione sulla Puglia”. Si parla poi di altro:

- Prosegue dopo la pubblicità -

si parla di ingenti quantitativi di rifiuti provenienti dal napoletano e sversati illecitamente nella daunia, tanto da far spingere un cittadino a diffondere una petizione su change.org. Si mensiona anche la Direzione investigativa antimafia” che nell’ultima Relazione semestrale, sottolinea come «nel basso Tavoliere la realtà criminale più solida e strutturata resta quella di Cerignola». Si mensionano anche  l’inchiesta “Black land”  del 2014 che consentì alcuni arresti e alcuni sequestri e poi l’inquinamento causato dallo sversamento di rifiuti nel Canale Lagrimaro. L’articolo:

- Prosegue dopo la pubblicità -

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE L’ARTICOLO

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Foggia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.