Ilva, Salvini: “querele a chi dice che abbiamo bond Arcelor Mittal” – video

- Prosegue dopo la pubblicità -

“..la battaglia per l’Ilva noi la facciamo non perché abbiamo i bond ma perché l’Italia ha bisogno dell’industria dell’acciaio”. Così Matteo Salvini durante una conferenza stampa a Firenze, in Palazzo Vecchio, per presentare il progetto della Lega per elezioni regionali della prossima primavera in Toscana. Il leader del carroccio ha espresso la volontà di voler querelare chi ha accusato la Lega di detenere migliaia di euro in bond della multinazionale Arcelor Mittal. “Noi – ha aggiunto Salvini – facciamo una battaglia in difesa di un’azienda fondamentale per l’industria italiana. Facciamo una battaglia per un’Italia competitiva, non perché abbiamo azioni o bond di qualcuno. Quindi da Di Maio in giù, da Repubblica in giù, dal Fatto in giù quereliamo tutti quelli che dicono il falso su di noi”. Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il tesoriere leghista Giulio Centemero: «I bond da 300mila euro di Arcelor-Mittal sono stati acquistati dalla Lega Nord nel 2011 e presi in carico su un fondo titoli di Unicredit il 10 luglio 2013. In qualità di tesoriere della Lega dal settembre 2014, ho provveduto alla dismissione di tutti i titoli nel 2015 e in particolare quello in oggetto a gennaio 2015. Tutta la gestione titoli è stata effettuata nel rispetto della legge sul finanziamento pubblico ai partiti (96/2012). E’ tutto certificato nero su bianco». Il deputato del Carroccio ha evidenziato inoltre che le querele sono già pronte per «chi, prima di dare fiato alla bocca, dovrebbe imparare almeno a leggere gli estratti conto e soprattutto le loro date». Come riporta secoloditalia.it, inoltre:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche l’agenzia di stampa Adnkronos ha visionato la documentazione di tutta la vicenda e ha ricordato come tutto sia nato con un promemoria bancario, arrivato a un indirizzo mail della Lega, che circola in rete, dove vengono indicati 300mila euro, sotto la voce “obbligazioni estere”.

 

- Prosegue dopo la pubblicità -