Maltempo: a Barletta mareggiate invadono la spiaggia e rivelano plastica e pneumatici abbandonati – video

Anche nella giornata del 13 novembre 2019, forti raffiche di vento hanno interessato il lungomare di Barletta, dove, nella spiaggia di Levante, sono stati individuati persino degli allagamenti:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

quella che solitamente è la parte asciutta della spiaggia, infatti, è stata invasa da acqua marina giunta dalle potenti ondate causate dal vento di burrasca. Con l’acqua, la mareggiata ha trasportato a riva una serie di rifiuti, rivelando pneumatici e svariate tipologie di oggetti abbandonati, molti dei quali del tipo “usa e getta” fatti in plastica. A questi si aggiungono anche reti da pesca e pezzi di polistirolo. Tutto materiale che non andrebbe mai gettato in mare e che andrebbe invece sempre conferito negli appositi contenitori. Plastica e polistirolo possono causare la morte per soffocamento di animali marini come delfini, capodogli e tartarughe marine. Inoltre, a causa delle correnti marine, la plastica può persino sminuzzarsi in minuscoli frammenti generando il triste fenomeno delle “lacrime di sirena“, ovvero microplastiche spesso invisibili all’occhio umano ma che possono essere scambiate per cibo dai pesci. Gli stessi pesci che spesso finiscono sulle nostre tavole. E’ dunque importantissimo diffondere la cultura del riciclo e condannare sempre chi si macchia del grave reato ambientale dell’abbandono di rifiuti. Oltre alle associazioni ambientaliste e chi di dovere, l’appello per la pulizia della spiaggia e per il contrasto dei fenomeni illegali è rivolto anche a tutti i semplici cittadini, sia adulti che giovanissimi. Il video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Barletta – Andria – Trani per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.