Lo spettacolare Presepe Vivente di Canosa di Puglia dal 3 al 6 gennaio 2020. Prenotarsi per partecipare ai due tour archeologici

A Canosa, il Comitato Presepe Vivente, anche quest’anno ha coordinato il tutto per la realizzazione della 16^ edizione del Presepe Vivente che si è svolto nei giorni 26,27,28 e 29 dicembre e si riproporrà ai visitatori nei giorni 3,4,5 e 6 gennaio 2020 dalle ore 17,30 alle ore 20,30. L’evento si svolge su un’area archeologica di circa 12mila metri quadrati nella zona Costantinopoli. I figuranti, più di 300 di ogni età, si destreggiano in ben 25 scenari. Il legame con la storia e la tradizione è rimasto uno dei punti di forza di questa importante manifestazione, la cui rilevanza non è dovuta solo alla riproposizione fedele degli eventi, ma anche alla funzione di promozione del territorio. Canosa è infatti uno dei centri archeologici di maggior interesse e il Presepe Vivente diventa occasione annuale per mostrare le bellezze del paese ai turisti. Infatti in occasione dell’evento sarà possibile prendere parte a due differenti tour archeologici:

- Prosegue dopo la pubblicità -
  • Alle ore 10.30 (partenza da Museo arch. Nazionale, via Kennedy 18) si svolgerà l’intinerario “ A spasso nel tempo”, in cui si scopriranno i tesori preziosi e tangibili della secolare storia di Canusium visitando: il Museo Archeologico di Palazzo Sinesi, con le raffinate ceramiche funerarie provenienti dalla Tomba Varrese (IV-III sec. a.C.); la Domus romana di Colle Montescupolo, tipico esempio di dimora d’epoca imperiale (I sec.d.C.-I sec. d.C.); il caratteristico Ipogeo Scocchera B (III-II sec. a.C.); il Parco Archeologico di San Giovanni (VI sec. d.C.), importante edificazione paleocristiana; il Mausoleo di Marco Boemondo d’Altavilla (XII sec.), eroe della I Crociata.
  • Alle ore 13.30 sarà possibile assaporare le bontà tipiche del territorio usufruendo di un menù convenzionato.
  • Alle ore 15.30 (partenza da viale I Maggio,17) si svolgerà il tour “ La città degli ipogei”. Un percorso monotematico alla scoperta di Canosa daunia-ellenistica, un’affascinante esplorazione del sottosuolo della città e dei tesori che nascondeva: gli ipogei e i corredi funerari. Gli ipogei sono le dimore ultraterrene dei “principi dauni”, tombe interamente scavate nel tufo e risalenti al IV-III sec. a.C. I siti visitabili saranno: gli Ipogei Lagrasta (IV-I sec. a.C.), il più importante complesso funerario di Canusium e dell’intera regione; l’Ipogeo D’Ambra (IV-III sec. a.C.), interamente scavato nell’argilla; l’Ipogeo del Cerbero (III sec. a.C.), il quale presenta l’affresco del mitologico cane a tre teste Cerbero(con videomapping) e l’Ipogeo di Vico San Martino (V-I sec. a.C.)., complesso funerario con diverse tipologie di ambienti.

Promuovere il territorio è importante per il Comitato Presepe Vivente, così quest’anno, insieme al contributo per il biglietto d’entrata, verrà dato in omaggio un pacchetto di CèTaràdd dei “I tesori di Canusium”, uno degli sponsor della manifestazione, cosicché i visitatori possano vedere, ma anche gustare, tutto ciò che rende speciale e importante la città di Canosa. Per informazioni e prenotazione telefonare al n. 3338856300

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni mentre per seguire tutte le news in tempo reale vi consigliamo di cliccare “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Inoltre è possibile partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -