Puglia: cittadini in mascherine protestano contro inquinamento cancerogeno causato da roghi ed emissioni delle auto – video

Cittadini con mascherine per dire basta all’inquinamento cancerogeno. Accade in Puglia, dove donne, uomini e bambini hanno aderito ad un’iniziativa finalizzata a sensibilizzare popolazione ed istituzioni. L’episodio è avvenuto nella città di Andria. Lo riporta il sito web VideoAndria.com:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Sono Presidenti, soci, attivisti ma anche semplici cittadini andriesi aderenti al Forum Ambiente e Salute Andria che hanno deciso di riunirsi nel primo pomeriggio di oggi in Piazza Umberto I per ribadire la propria contrarietà alle forme di inquinamento riscontrate nell’ultimo periodo nella città federiciana. Parliamo di associazioni come il circolo andriese di Legambiente, l’associazione ambientalista 3Place, la sezione locale di Federcommercio, l’associazione “Onda d’urto – Uniti contro il cancro ONLUS” e molte altre associazioni, tutte facenti parte del Forum Ambiente e Salute Andria – che verso le 15,00 del 21 gennaio 2020 hanno portato in piazza diversi membri delle molteplici organizzazioni per segnalare la problematica, causata in parte dalle eccessive emissioni inquinanti emesse dai gas di scarico delle automobili (polveri sottili) e anche contro i fenomeni illegali dei roghi che causano l’emissione di diossina. Episodi che inevitabilmente comportano l’emissione di sostanze cancerogene o potenzialmente cancerogene nell’aria che respiriamo. Motivo per cui la manifestazione di protesta è stata realizzata attraverso l’uso simbolico di mascherine. Video:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni via Whatsapp. Inoltre possibile partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -