M5S Puglia: “anche medici devono rispettare regole contro Coronavirus, servono verifiche su personale sanitario”

“Quanto sta accadendo nelle strutture sanitarie e socio sanitarie private pugliesi, richiede una risposta immediata da parte delle istituzioni. Leggiamo numerosi casi di positività sia tra gli ospiti che tra il personale, per cui chiediamo ai dipartimenti di prevenzione di tutte le Asl pugliesi di conoscere le procedure messe in atto per verificare l’applicazione dei protocolli di sicurezza da parte delle strutture protette per limitare la diffusione del contagio”. Lo dichiara il consigliere del M5S Marco Galante, che sta inviando una nota alle aziende sanitarie che aggiunge:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Leggiamo – continua Galante – ad esempio di numerosi anziani positivi nelle strutture residenziali, dove spesso gli ospiti sono in camere doppie ed è difficile mantenere la distanza. In tutte le strutture sono ormai state vietate le visite, ma non basta. Bisogna effettuare tamponi a tutti gli operatori delle strutture e agli ospiti delle stesse quando si accertano casi positivi, così da poter mettere in atto tutte le misure per evitare il diffondersi del contagio, la sanificazione degli ambienti e la quarantena anche per chi è entrato in contatto con chi è stato contagiato. Bisogna proteggere le persone più fragili e gli operatori sanitari e far sì che le strutture dove vivono e lavorano garantiscano la massima sicurezza possibile” – conclude. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni via Whatsapp. Inoltre possibile partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -