“Basta con i controlli eccessivi su bar e ristoranti, fate lavorare chi ha fatto sacrifici per andare avanti” – Marmo critica la Regione Puglia:

Controlli eccessivi, che rasentano la vessazione, nei confronti di bar e ristoranti: le segnalazioni, in queste ore, non fanno che aumentare e raccontano di una linea quasi persecutoria adottata dalle forze dell’ordine. Non vorremmo che fosse conseguenza di un “ordine dall’alto” e che qualcuno abbia inteso dare un vigore ancor più pressante all’ordinanza di Emiliano, con una rigida e restrittiva interpretazione” – a dichiararlo è il consigliere regionale Nino Marmo (Forza Italia) che ha poi aggiunto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Si susseguono decine di ispezioni al giorno: vigili, poi vigili e polizia, poi vigili e carabinieri, poi la guardia di finanza… insomma, i gestori sono esasperati e stritolati da una situazione insostenibile che si aggiunge alle difficoltà incontrate per riaprire le attività e ai danni economici patiti per il blocco. Emiliano dice di voler sostenere la ripresa, ma ci sembra che l’attendibilità di questa affermazione sia comparabile ai milioni e milioni di euro sbandierati dal governo Conte quando i cittadini non hanno visto un euro. Tutti gli esercenti hanno fatto e stanno facendo sforzi e sacrifici immani per garantire le misure di sicurezza e il rispetto delle norme ed è ingiustificabile questo clima di terrore. A loro va la nostra solidarietà, ma al presidente Emiliano diciamo con chiarezza che se non correggerà il tiro, noi faremo battaglia a testa bassa” – ha concluso Marmo.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni via Whatsapp. Inoltre possibile partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -