Questa meraviglia archeologica è di Canosa ma si trova in Francia, patrimonio archeologico di inestimabile valore

Rappresentazione di un funerale greco

La sua origine è Canosa di Puglia ma attualmente è custodita in Francia. Parliamo di un reperto archeologico di inestimabile valore:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Parliamo di un vaso di cultura Greca risalente ad un periodo compreso tra il 310 a.C. ed il 290 a.C. L’oggetto è costituito da due elementi separabili: una testa di donna ornata con due piccole teste e un calathos. La testa femminile è rappresentata fino al collo. I capelli sono raccolti sopra la testa e tenuti in posizione da una cravatta blu. Indossa orecchini a rosetta rosa e blu. La parte posteriore della testa è liscia e coperta da una policromia rosa. Le due piccole teste femminili sormontano su ciascun lato e poggiano su un’asta su cui sono fissate tre palmette in rilievo. Altri scatti fotografici dell’affascinante reperto archeologico:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -
Alto circa 40 cm, l’antico vaso presenta oggi alcune parti mancanti (come si evince dai fori) ed è caratteristico degli usi funerari dell’epoca. Un reperto di inestimabile valore storico oltre che artistico, purtroppo lontano dalla nostra Regione. Oggi il reperto fa parte dell’archivio fisico della Biblioteca nazionale Francese. Pare sia stato donato al museo nel lontano 1865. La scheda tecnica è stata riportata  nei seguenti link:

https://catalogue.bnf.fr/ark:/12148/cb45244494k?fbclid=IwAR3W6HlFA93sS791WXcXqsJCKgKLLxZP1pleEocPoyPhUo0864CkgTrNOec

http://medaillesetantiques.bnf.fr/ws/catalogue/app/collection/notices/record/ark:/12148/c33gbq93w

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che è possibile seguire tutte le news cliccando “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/PugliaReporter. Inoltre, scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Barletta – Andria – Trani cliccando qui per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.