Puglia: cittadini in piazza contro 5G a Lecce “principio di precauzione non rispettato” – video

Il flash-mob contro il 5G svolto la scorsa domenica 21 giugno 2020 in piazza Sant’Oronzo a Lecce è servito a stringere un’alleanza di intenti tra i cittadini e associazioni espressione della società civile, dell’impegno ecologista e del bisogno di tutelare la salute pubblica:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Tutti insieme per dire ##NOLECCE5G. Insomma, in contrasto al sindaco Carlo Salvemini, che il 5G a Lecce lo vuole, cresce nel Salento diffidenza e rifiuto al 5G e alle antenne ad alta frequenza per diffondere le onde elettromagnetiche indispensabili a questo nuovo tipo di tecnologia. Tra gli organizzatori più attivi di questa iniziativa c’è Giancarlo Vincitorio, esponente regionale di Vox Italia, il quale evidenzia come il problema del 5G sia avvertito con preoccupazione dai cittadini: “impossibile dare loro torto. Sindaco e assessori a Lecce vogliono fare installare, oltre all’esistente, altre antenne e più di 350 hotspot nelle strade cittadine. Con il flashmob rappresentanti della società civile hanno testimoniato, in modo paritetico, la contrarietà a quel progetto che di fatto attua una pericolosa sperimentazione.” Presente, tra gli altri, Giuseppina Marazia, presidente dell’associazione malati ambientali. Un’organizzazione che offre consulenza ai pazienti affetti da elettrosensibilità e da sensibilità chimica multipla. Il 5G sta avendo un numero crescente di contrari. Ad esempio Antonio Macchia, segretario generale CGIL di Brindisi, che comunque non ha partecipato alla manifestazione in piazza Sant’Oronzo, aveva detto qualche settimana addietro che gli enti locali debbono bloccare l’installazione di impianti con tecnologia 5G in attesa che ci siano rassicurazioni sugli effetti da essi causati. Veronica Giannone, deputata del gruppo Misto, che alla manifestazione ha invece partecipato, ha dichiarato che il sindaco di Lecce dovrebbe prendere esempio da altri suoi colleghi salentini che, “applicando il principio di precauzione, hanno deliberato di impedire l’installazione di antenne 5G in quei Comuni”. A rappresentare il centrodestra al flashmob è stato Roberto Anguilla Giordano, capogruppo di FdI nel consiglio comunale di Lecce, il quale ha criticato il sindaco Salvemini per la scelta favorevole al 5G: “in Commissione Ambiente del Comune abbiano ascoltato pareri tecnici e scientifici discordanti e propria questa discordanza ci impone di essere prudenti e il richiamo a quel principio della Costituzione della precauzione. Abbiamo il dovere di agire per la tutela della salute dei cittadini. Serve univocità del parere scientifico per prendere decisione. In assenza di essa il sindaco Salvemini ha il dovere di impedire il 5G”. Vincitorio, durante la manifestazione in piazza, ha dichiarato di “aver saputo ufficiosamente che una parte dei 350 hotspot e altre antenne 5G saranno installati in Piazza Sant’Oronzo, via F. D’Aragona, piazza Duomo, Porta Rudiae, Porta San Biagio, via Libertini, via dei Perroni, le zone di via Trinchese e piazza G. Mazzini. Vincitorio però vuole sapere dal sindaco Salvemini la situazione dettagliata prevista in progetto per queste e le altre aree cittadine, molte appartenenti ai quartieri periferici” – ha concluso. Riportiamo qui sotto il link ad alcuni video diffusi su YouTube:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni via Whatsapp. Inoltre possibile partecipare al gruppo Whatsapp dedicato alla regione Puglia per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.

- Prosegue dopo la pubblicità -