Lungomare di Bari: raccolti 5mila mozziconi in 2 ore. Quanti soldi avrebbe incassato il Comune se gli incivili fossero stati multati?

Non è la prima volta che Leonardo Rizzi è autore di una singolare operazione di raccolta di cicche di sigarette e anche nel mese di luglio 2020, grazie anche all’aiuto dell’amico Sergio, la raccolta è risultata “miracolosa” (ovviamente nel senso critico del termine) perché ancora una volta, se da una parte vi è la dimostrazione che un solo cittadino può fare tanto, dall’altra evidentemente, ci sono ancora tanti, troppi incivili che causano l’accumulo di questi rifiuti molto pericolosi sia per l’ambiente che per la vita animale ed umana:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Come già riportato in precedenza, infatti, oltre ai dati sconcertanti dei fumatori attivi e passivi (stando ad un recente studio, infatti, fumare sarebbe peggio dell’inquinamento causato da un’automobile) occorre anche ricordare come gli elementi chimici nascosti nelle sigarette siano potenzialmente cancerogeni: benzene, formaldeide, cadmio, cromo, catrame ed arsenico sono soltanto alcune delle sostanze pericolose che vengono rilasciate anche da chi, dopo aver fumato una sigaretta, la abbandona per terra, commettendo un illecito. Già in passato, Rizzi aveva provveduto a raccogliere decine di mozziconi, calcolando sanzioni per decine di migliaia euro, probabilmente mai effettuate. Un nuovo studio ha inoltre collegato il fumo con il rischio di aumento di diabete. Per quanto riguarda il caso specifico del capoluogo pugliese, una domanda, poi, sorge spontanea:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Se tutti (o buona parte) degli autori dell’abbandono di cicche di sigarette a Bari fossero stati sanzionati, quanto avrebbe incassato il Comune? Risorse che certamente potrebbero essere reinvestite a favore dell’interesse collettivo. Stavolta, come riportato da un video diffuso online da Il Quotidiano Italiano, Leonardo e Sergio hanno ripulito la zona pedonale vicina al molo San Nicola (molto frequentata anche dai turisti). Un ringraziamento speciale va a coloro che non si arrendono all’inciviltà e a tutti i giornalisti che fanno corretta informazione dando spazio a chi come Dino e Sergio, promuovono iniziative finalizzate alla tutela dell’ambiente in cui viviamo. Riportiamo qui sotto il link al filmato diffuso su YouTube:

- Prosegue dopo la pubblicità -

- Prosegue dopo la pubblicità -

Ricordiamo che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/PugliaReporter è possibile seguire tutte le news da Facebook. Inoltre, scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp dell’area metropolitana di Bari (clicca qui per accedervi) per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. E’ anche possibile inviare immagini ed osservazioni all’indirizzo redazione@pugliareporter.com.